Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 05 Dicembre |
San Giovanni Damasceno
home iconChiesa
line break icon

Far tornare la speranza nella Valle di Ninive

Lucandrea Massaro / Aleteia

Suor Silvia

Lucandrea Massaro - Aleteia Italia - pubblicato il 19/09/17

Parla Suor Silvia, irachena, che insieme ad Aiuto alla Chiesa che Soffre vuole ricostruire il Convento delle sue consorelle

E’ una figura minuta, grandi occhi neri e un bel sorriso, è venuta da Carpi, dove ha vissuto e studiato per qualche tempo, solo per poter raccontare ai giornalisti la triste situazione della sua terra natale, l’Iraq, da troppi anni ormai al centro di una spirale di morte e distruzione. Si chiama Suor Silvia ed è fuggita assieme alle 30 mila famiglie cristiane della Piana di Ninive (Mosul, nord dell’Iraq) il 6 agosto del 2014, fuggendo verso il Curdistan e dovendo lasciare la propria casa, il Convento delle Domenicane di Santa Caterina da Siena a Mosul.




Leggi anche:
Suore irachene tornano a Mosul tre anni dopo la loro espulsione da parte del Daesh

“Il 1 agosto 2014 ci siamo spostate in un altro paese, il nostro sacerdote ed alcuni giovani hanno invece voluto rimanere. Il 3, la Madre generale ha chiamato dicendo che dovevamo andarcene perché la situazione era precipitata.” dice “il 5 è stato ucciso il giovane diacono, raggiunto dalle pallottole in realtà destinate al nostro prete. Il 6, alle 11 di notte, si è cominciato a sparare e hanno detto che tutti i cristiani dovevano scappare perché l’Isis era entrato a Qaraqosh e a Tilkef e in altre zone. E’ stata una fuga in massa, in mezzo agli spari, terrorizzati, tutto così rapido che tanti sono fuggiti senza prendere nulla”. Suor Silvia spiega che pochi giorni prima l’Isis si era accanito contro la minoranza yazida e la comunità cristiana ha avuto paura che succedesse lo stesso: 400 giovani uccisi e 5000 ragazze vendute come schiave.




Leggi anche:
Sesso, violenza e torture: la storia di una donna yazida rapita dall’Isis

A Erbil hanno fondato una prima clinica per curare tutti i profughi: cristiani, musulmani, yazidi. Suor Silvia racconta tutto con pazienza e con le mani che a volte tremano impercettibilmente. Ricorda, ricorda tutto. Lo strazio di lasciare le case, la paura di un futuro incerto, il dolore per le consorelle morte di crepacuore. Delle 73 suore presenti nella regione negli ultimi tre anni ne sono morte 24, 19 solo tra il 2014 e il 2015. Morte di paura, di dolore nel vedere la culla del cristianesimo (i cristiani sono lì praticamente dal II-III secolo) distrutta e depredata, la propria chiesa profanata e bombardata, non hanno resistito.

Ma la vita continua e l’impegno delle suorine anche grazie alla Fondazione Aiuto alla Chiesa che Soffre ha potuto riaprire anche due scuole: una a Erbil con 600 ragazzini dai 6 ai 13 anni tutti cristiani e un’altra a Duhok dove accanto ai cristiani ci sono anche musulmani e yazidi.

Ora la speranza, le forze governative hanno liberato quasi interamente la regione “L’esercito iracheno è stato bravo, sono morti molti sciiti per aiutarci, per rimettere le croci sulle chiese”. Suor Cristina perché vi aiutano così tanto?, chiediamo: “Perchè i cristiani fanno parte del paese” risponde. E aggiunge che quando ci sono i posti di blocco le suore – i soldati musulmani – le fanno sempre passare “perché dicono che siamo pure come la Madonna” ride, poi aggiunge seria “tutti i musulmani vogliono bene alla Madonna”. Come a dire che questi dell’Isis, con l’Islam forse c’azzeccano poco.


MADONNA; FATIMA;ISLAM;

Leggi anche:
La sorprendente connessione tra la Madonna di Fatima e l’islam

C’è speranza dicevamo, negli occhi di Suor Silvia sicuramente sì. Lei si affida al Signore, lo ripete di continuo “Suor Silvia chi vi difende?” “Solo il Signore, Lui non ci abbandona mai”. Ma ora anche al comunità internazionale deve fare qualcosa. ACS ha organizzato una Conferenza per la ricostruzione il prossimo giovedì 28 settembre a Roma. Presenti i patriarchi, il Segretario di Stato, il cardinal Parolin, gli ambasciatori presso la Santa Sede di molti paesi Europei ed extra-UE. Dai politici italiani e dell’Unione Europea ancora pochi riscontri. Cambierà qualcosa?

Tags:
aiuto alla chiesa che soffrecristiani perseguitati in iraq
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
FATHER JOHN FIELDS
John Burger
Muore sacerdote che si era offerto volontario...
MARIA DEL MAR
Rodrigo Houdin
È stata abbandonata in una discarica, ma ha c...
JOE BIDEN
Francisco Vêneto
Un sacerdote ha negato a Joe Biden la Comunio...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Little Sisters Disciples of the Lamb
Cerith Gardiner
Conoscete l'ordine religioso che accoglie suo...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni