Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 30 Novembre |
Sant'Andrea
Aleteia logo
News
separateurCreated with Sketch.

Padre Tom descrive la sua esperienza nelle mani dei rapitori

web3-father-tom-uzhunnalil

Fair Use

John Burger - Aleteia inglese - pubblicato il 18/09/17

Il sacerdote salesiano dice di non aver subito maltrattamenti e di non sapere chi lo abbia sequestrato

Padre Tom Uzhunnalil, il sacerdote indiano che ha trascorso 18 mesi nelle mani dei rapitori dopo un brutale attacco a una casa di cura per anziani nello Yemen, ha affermato che i suoi sequestratori non gli hanno inferto ferite fisiche, cercando anzi di fornire assistenza medica al presbitero, che soffre di diabete.

“Ringrazio Dio Onnipotente per questo giorno. Salute piuttosto buona. Mente limpida. Emozioni finora sotto controllo”, ha detto padre Uzhunnalil all’Associated Press. “Dio è stato estremamente buono con me. Non mi è mai stata puntata contro una pistola”.

Il sacerdote salesiano, che esercitava il suo ministero in una missione dello Yemen fondata da un suo zio, è stato rilasciato grazie a negoziati che apparentemente hanno coinvolto il Governo indiano e il sultanato dell’Oman. Il presbitero è stato trasferito in Oman e poi è volato a Roma, dove ha avuto un incontro con Papa Francesco al termine dell’udienza generale di mercoledì scorso.

In un’e-mail ai giornalisti e ad altri che chiedono notizie sul caso, il vescovo Paul Hinder, vicario apostolico dell’Arabia Meridionale, territorio che include lo Yemen, ha scritto sabato:

Potete immaginare quanto sia stato sollevato il mio cuore quando martedì mattina ho saputo al telefono da Mascate che l’“operazione” aveva avuto successo. Prima che padre Tom prendesse l’aereo per Roma sono riuscito a scambiare qualche parola al telefono con lui. Finalmente ieri ho avuto l’opportunità di incontrarlo di persona in Vaticano. È superfluo dire che entrambi ci siamo commossi fino alle lacrime. Ho potuto parlare in privato con padre Tom per due ore, e mi ha raccontato la storia degli ultimi 18 mesi. Mi ha chiesto di mantenere confidenziale il contenuto della nostra conversazione, ma posso dirvi di aver incontrato un uomo in forma sorprendentemente buona tenendo conto dello stress che ha vissuto. Ancor più impressionante è la forte fede che gli ha permesso di restare sereno nonostante la prova. Ha espresso la sua profonda gratitudine a Dio, a tutti coloro che hanno pregato per lui in tutto il mondo e a chi ha giocato un ruolo fondamentale nel processo di liberazione.

Capisco che molti vorrebbero conoscere più dettagli, ma per quanto mi riguarda ho convenuto con i servizi di sicurezza che hanno lavorato con successo alla vicenda di restare in silenzio, anche per proteggere padre Tom e altre persone che devono continuare a vivere nel modo più normale possibile. Attualmente padre Tom è sotto osservazione medica. Dopo un certo periodo si riunirà alla sua provincia salesiana natale di Bangalore (Kerala). Sarà sicuramente grato se riuscirà a riposare un po’ senza essere importunato dai curiosi.

Desidero ringraziare Sua Maestà il Sultano Qaboos e i suoi servizi in Oman, la Sicurezza Vaticana, le autorità di Abu Dhabi e molti altri che hanno lavorato con discrezione per il rilascio di padre Tom.

Quando ho incontrato padre Tom ha chiesto la mia benedizione. Poi io mi sono inginocchiato e ho chiesto a lui di benedirmi. Siamo entrambi profondamente convinti che dietro l’operato degli esseri umani ci siano l’opera di Dio e l’intercessione di Nostra Signora, Madre di Dio, che ha fatto giungere questo incubo a lieto fine.

In un’intervista rilasciata ad AP, padre Uzhunnalil ha riempito alcuni vuoti della vicenda, iniziata nel marzo 2016, affermando che quando la casa di cura per anziani di Aden è stata attaccata si è identificato come indiano ed è stato portato in un’altra stanza “mentre uccidevano gli altri”.

Durante l’attacco sono state assassinate 16 persone, incluse quattro Missionarie della Carità.

Il sacerdote ha affermato di non conoscere l’identità o l’affiliazione dei suoi rapitori. Quando lo hanno messo portabagagli di un’automobile, ha detto che il tabernacolo dell’altare che si trovava all’interno della casa di cura era ai suoi piedi. Non aveva le mani legate, e allora lo ha preso per assicurarsi che contenesse quattro o cinque ostie eucaristiche che aveva conservato il giorno prima.

“Mi sono detto che non mi sarebbe accaduto nulla di cui Dio non fosse a conoscenza”, ha affermato.

Per accelerare i negoziati, in alcuni video i rapitori hanno fatto intendere che gli stavano facendo del male. A un certo punto hanno perfino dichiarato che avevano progettato di crocifiggerlo il Venerdì Santo, ma padre Uzhunnalil dice di non essere mai stato maltrattato. Anzi, gli sono state offerte delle compresse per curare il suo diabete, e i rapitori hanno fatto fronte alle sue necessità fondamentali.

Durante il sequestro, il sacerdote è stato trasferito varie volte, ma dice di non sapere dove sia stato trattenuto. I rapitori si coprivano il volto in sua presenza.

Il sacerdote 57enne del Kerala credeva che i suoi sequestratori mirassero a un riscatto, anche se questa settimana il Governo indiano ha dichiarato che non è stato pagato alcun riscatto monetario. Dal canto suo, padre Ángel Fernández Artime, Rettor Maggiore dell’Ordine salesiano, ha affermato che la congregazione non è a conoscenza del pagamento di alcun riscatto.

“Nessuno ci ha mai detto che chiedevano del denaro. Nessuno ci ha mai chiesto neanche un euro”, ha detto padre Artime ad AP. “Non ne sappiamo nulla. È la pura verità. E credo che padre Tom sappia anche meno”.

Padre Uzhunnalil ha detto ad AP di essere stato trasferito dallo Yemen all’Oman in automobile, e poi di essere stato portato in aereo nella capitale prima di proseguire per Roma.

Padre Artime ha detto che il sacerdote ha perso circa trenta chili durante il sequestro, e ha descritto la sua salute come “molto delicata, molto debole”, sottolineando tuttavia che “è calmo nello spirito”.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
indiarapimentosacerdotesalesianiyemen
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni