Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
sabato 31 Ottobre |
San Wolfgang di Rägensburg
home iconSpiritualità
line break icon

Il giorno in cui Dio mi ha dato qualcosa in più di quello che riuscivo a gestire

Catholic Link - pubblicato il 18/09/17

di Luisa Restrepo

È certo che la nostra fiducia nella grazia di Dio ci porta a credere che tutti gli eventi che Egli permette nella nostra vita non saranno mai situazioni che non possiamo affrontare, e spesso ho pensato a questa frase che probabilmente tutti abbiamo ascoltato (e detto) centinaia di volte: “Dio non ti darà mai più di quello che riesci a gestire”.

Oggi meditando un po’ sul Vangelo sono giunta a una conclusione diversa: Dio ci dà cose che non possiamo gestire. La prova è il fatto che nel Getsemani ha dato al proprio Figlio qualcosa che non poteva prendere su di sé, una cosa che Egli stesso ha chiesto di non dover affrontare…

Forse contraddice un po’ la fiducia che tutti abbiamo riposto in questa frase. Dio ci dà cose per noi impossibili da gestire.

Alla madre la cui figlia di 10 anni lotta per la vita in un ospedale…

Al marito la cui moglie sta morendo di parto, lasciandolo solo con una famiglia da curare…

Alla ragazza il cui fidanzato si sta riprendendo da un colpo di pistola alla testa…

Alla persona che legge questo post e la cui battaglia quotidiana è più profonda e difficile di quello che possiamo immaginare…

La verità è che Dio sta dando loro più di quello che riescono a gestire.

Quando nella nostra vita si verificano questi eventi (momenti in cui siamo messi alla prova e sperimentiamo un grande dolore), Dio non sta giocando con noi. Ci sta mandando un avvertimento. La cosa più frequente è che non ce ne rendiamo conto e cerchiamo tutte le soluzioni possibili, che ci sforziamo troppo di sembrare forti, di far sì che sembri tutto facile, tutto sotto controllo… ma in realtà non serve a molto (almeno in base alla mia esperienza). Mi rendo sempre conto che non è quello che devo fare, né quello che Dio vuole che io faccia.

Dio non si aspetta che siamo forti e che affrontiamo da soli queste prove. Ha già inviato qualcuno per salvarci, ricordate? Quando permette tutte queste cose vuole mostrarci che appoggiarci a Lui è l’unico modo per trovare la forza di andare avanti.

Dio vi darà più di quello che riuscite a gestire? Sì. Verrà un giorno in cui Dio vi darà più di quello che potete gestire. La vita è molto dura, e in alcuni momenti vi sentirete soli, confusi, immersi nell’oscurità. Ci saranno momenti in cui sarà più di quello che riuscite a gestire da soli.

Ma sapete una cosa? Dio non si aspetta che lo facciate da soli, e (anche se è più facile a dirsi che a farsi) arrendersi a Dio è la chiave della pace nei nostri momenti più oscuri.

Arrendersi significa confidare nel fatto che Dio verrà. Significa aspettarsi un miracolo senza sapere come Dio lo realizzerà. Significa andare ai piedi di Gesù tutti i giorni e dirgli “Confido in Te”.

Anche se può essere difficile da credere, tutto questo fa parte di un progetto. Quando Dio permette una situazione difficile ha già pronta una soluzione. Tutto può sembrare molto incerto, ma ogni evento della nostra vita ha un posto in un progetto molto più grande, tutto è parte di un capolavoro più bello.

Dio arriverà, non preoccupatevi troppo. Dio è presente anche in assenza di tutto. Appoggiatevi a Lui. Cercatelo. Confidate nella sua volontà.

Non camminate da soli. Egli cammina al vostro fianco ed è pronto a portare il vostro peso non appena deciderete di affidarlo a Lui.

“Confida nel Signore con tutto il tuo cuore e non affidarti alla tua intelligenza; riconoscilo in tutti i tuoi passi ed egli appianerà i tuoi sentieri” (Proverbi 3, 5-6).

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

QUI L’ORIGINALE

Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Tags:
divina provvidenza
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Annalisa Teggi
"Dite ai miei figli che li amo": ecco chi è l...
Lucandrea Massaro
Sale il numero di morti nell'attentato di Niz...
ERIN CREDO TWINS
Cerith Gardiner
“Dio ha senso dell'umorismo”: coppia di genit...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
EMILY RATAJKOWKSI
Annalisa Teggi
Emily Ratajkowski: scoprirò il sesso di mio f...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Silvia Lucchetti
Rischiava l'amputazione delle gambe. Oggi ha ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni