Aleteia

Sì, puoi fidarti della Chiesa

Condividi
Commenta

Il mondo pensa che accettiamo l'insegnamento della Chiesa nel modo in cui alcuni cantano l'inno nazionale all'inizio di una partita di calcio, ma non colgono il fulcro della questione

La sua terapeuta gli chiese perché non volesse guardare materiale pornografico e masturbarsi. “Perché la Chiesa dice che non si deve fare”, rispose. Lei lo esortò a non fare riferimento agli insegnamenti della Chiesa, dicendo invece quello che pensava personalmente al riguardo. Lui non volle. In un articolo onesto in modo ammirevole, il giovane avvocato Chris Damian spiega come sia arrivato a vedere più chiaramente perché faceva quello che la Chiesa dice di fare.

La sua terapeuta gli stava dicendo: “Non darmi la risposta ufficiale della Chiesa, dammi la tua risposta personale”. Lui ha reagito a questo fatto, per ragioni comprensibili. Pensava che la gente dicesse una cosa del genere “quando pensava che l’insegnamento della Chiesa non avrebbe retto se confrontato con la vita umana reale. Pensavo che la gente ponesse questa domanda quando pensava che tu non credessi davvero, che stessi semplicemente ripetendo a pappagallo qualcosa che in realtà non capivi”.

Spinto dalla sua terapeuta, Chris ha visto che doveva capire la speranza che è in lui. “Lo stare sulla difensiva e i costanti riferimenti ai paragrafi del Catechismo e al Magistero rivelavano quanto la speranza non fosse mia”, ha affermato. “Una fede interiorizzata è una fede che diventa così personale che la ragione deriva da una vita conformata ad essa dal di dentro piuttosto che da qualche paragrafo letto dal di fuori. Più assomiglia al Catechismo, meno è probabile che venga da te”.

Aveva delle ragioni, una volta che ci si è messo davvero a pensare. Tra queste, “Perché voglio che la mia sessualità sia usata come un dono piuttosto che per indulgere alle proprie passioni” e “Perché non voglio che i miei desideri volubili dettino ciò che faccio”.

Credere e confidare

La terapeuta ha spinto Chris come dovrebbe fare un terapeuta, ma il suo presupposto era un problema, anche se le sue pressioni hanno funzionato in modo positivo per lui. I mondani pensano che le convinzioni cattoliche siano qualcosa di alieno, imposto, di seconda mano. Pensano che accettiamo questo insegnamento nel modo in cui certe persone si alzano per l’inno nazionale all’inizio di una partita di calcio. È quello che si fa, ma non implica alcun attaccamento.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni