Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Come un teschio sulla scrivania cambierà la vostra vita

PD / Suor Theresa Aletheia Noble
Condividi
Un giorno morirete.

Lo scriverò di nuovo, visto che state leggendo al computer e probabilmente siete distratti.

Un giorno morirete.

Come potrebbe essere diversa la vostra vita se tutti i giorni ricordaste questo dato di fatto?

Non c’è modo di evitare la morte. A meno che Gesù non torni durante il periodo della vosta vita terrena morirete. In modo repentino e tragico o pacifico e sereno alla fine di una lunga vita, finirete per chiudere gli occhi per non riaprirli più.

Concentrarsi sulla propria morte può sembrare macabro, malato e forse perfino diabolico, e in alcuni casi può esserlo davvero. La morte, in sé, è un male. Sant’Agostino ha scritto che la morte è “la violenza con cui il corpo e l’anima sono strappati l’uno dall’altro”. Ma Gesù ha cambiato la natura della morte per coloro che credono. Prima di diventare Papa, l’allora cardinale Joseph Ratzinger ha scritto che il pungiglione della morte si estingue in Cristo.

Una tradizione cristiana di lunga data riconosce il grande potere spirituale del ricordarsi della propria morte per vivere bene. La Regola di San Benedetto, scritta nel VI secolo, include l’imperativo di “tenere la morte tutti i giorni davanti agli occhi”. Come indica il Catechismo, sia la Sacra Scrittura che il Magistero della Chiesa ci ricordano la responsabilità dell’uomo di usare la sua libertà in vista del suo destino eterno (cfr. n. 1036).

La pratica di ricordare che moriremo ci aiuta a tenere a mente che la nostra vita terrena finirà e che ha un obiettivo: il cielo.

Un modo di tenere a mente l’imminenza della nostra morte è l’utilizzo di promemoria visivi chiamati Memento mori, definizione latina che significa “Ricordati che morirai”.

Santi come Girolamo, Luigi Gonzaga e Maria Maddalena, tra gli altri, sono spesso ritratti accanto a dei crani. San Francesco d’Assisi scrisse una benedizione su una pergamena per fra’ Leone disegnando la croce a forma di tau sull’abbozzo di un cranio. Papa Alessandro VII commissionò al Bernini una bara da custodire nella sua camera, insieme a un cranio di marmo da tenere sulla scrivania per ricordarsi della brevità della vita. Anche il beato Giacomo Alberione, fondatore della famiglia paolina, teneva un cranio sulla scrivania.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.