Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Prima regola per i lettori: ricordate che non siete pubblici oratori

Jeffrey Bruno
Condividi

La lettura pubblica non è parlare in pubblico, e la lettura non richiede al lettore niente di più e niente di meno

Dopo la lettura fate un’altra pausa, contate nuovamente fino a tre e poi pronunciate la conclusione. Il silenzio è il modo migliore per ottenere l’attenzione. Fatene buon uso.

Negli altri momenti, i vostri occhi devono essere concentrati sul testo che state proclamando. La vostra attenzione al testo farà rivolgere la nostra attenzione a ciò che state leggendo.

La preparazione? Esercitatevi ad alta voce. Leggere il testo dieci volte non è troppo. E dovete farlo ad alta voce, dopo aver letto il testo in silenzio più o meno lo stesso numero di volte. Dovete acquisire familiarità con le parole, con il loro fluire, e capire dove una pausa o una sottolineatura vocale aiuterà a far sì che il testo risulti più chiaro.

Leggi anche: Le tre regole fondamentali per i lettori della santa messa

Enfasi sulle parole? Esplorate i vari modi in cui il testo potrebbe essere illuminato dal tono della vostra voce. Nella Scrittura ci sono ironia, umorismo, gioia, avvertimenti seri, lamenti strazianti, scambi di opinioni, scherzi, narrazione e altro. Non riesco a pensare ad alcuna caratterizzazione verbale che non si ritrovi nella Scrittura. Permettete al peso delle parole di indicare il tono della lettura.

Il microfono? Non dipendete dal microfono per proiettare la vostra voce. Trovate la giusta distanza per far sì che la vostra voce non si perda né sia schiacciante, e ascoltate il modo in cui pronunciate alcune lettere, soprattutto le “p” e le “t”, perché a volte esplodono come spari. Se quando vi esercitate sentite questi “colpi” allontanatevi un po’ dal microfono.

Vi abbiamo dato qualche suggerimento tecnico. Quanto a quelli non tecnici, eccone uno: recitare una preghiera di gratitudine per il servizio per il quale siete stati scelti. Iniziate da lì, e poi affinate la tecnica.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.