Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 04 Dicembre |
San Giovanni Damasceno
home iconChiesa
line break icon

Perché nelle chiese si mette la Madonna a sinistra e san Giuseppe a destra?

ALTARE MADONNA SAN GIUSEPPE

Public Domain

Philip Kosloski - pubblicato il 09/09/17

Molte chiese del mondo presentano questa disposizione delle statue. Per quale motivo?

Quando si mette piede in una chiesa cattolica in molti luoghi del mondo, è facile notare una statua della Vergine Maria posta a sinistra dell’altare e una statua di San Giuseppe a destra.

Forse non ve ne siete mai resi conto, ma ora che lo sapete ci farete sicuramente caso.

Questa disposizione non è affatto una coincidenza.

È certo che non ci siano norme o regole specifiche in relazione alla collocazione delle statue. L’Ordinamento Generale del Messale Romano segnala solo di fare attenzione a che “il loro numero non cresca in modo eccessivo, e che la loro disposizione non distolga l’attenzione dei fedeli dalla celebrazione. Di un medesimo santo poi non si abbia abitualmente che una sola immagine” (OGMR, n. 318).

In passato c’era l’abitudine di collocare la statua del santo patrono della parrocchia al centro della chiesa, ma di recente questa tradizione è venuta meno a favore di un crocifisso centrale.

Per quanto riguarda la collocazione di Maria, in genere si trova a sinistra, dato che in quella posizione si trova alla destra di Gesù dal “suo punto di vista”, dal punto di vista di qualcuno che guarda dal tabernacolo.

Ciò concorda con la tradizione ebraica di collocare la Regina Madre alla destra del Re. Nel primo Libro dei Re si narra che “Betsabea andò dal re Salomone per parlargli in favore di Adonia. Il re si alzò per andarle incontro, le si inchinò, poi si risedette sul trono, e fece mettere un altro trono per sua madre, la quale si sedette alla sua destra” (1 Re 2, 19).

Papa Pio X ha confermato questa tradizione nell’enciclica Ad Diem Illum Laetissimum, dichiarando che Maria si sedette “alla destra di suo Figlio”.

Un’altra spiegazione è nel fatto che la sinistra della Chiesa è nota come il “lato del Vangelo” della chiesa, e Maria è considerata biblicamente la “nuova Eva”, con la sua funzione centrale nella Storia della Salvezza.

Nelle chiese orientali si colloca un’icona della Madre di Dio al lato sinistro dell’iconostasi che separa il tabernacolo dalla navata della chiesa. In una descrizione si spiega che “la Madre di Dio sostiene il Bambino Gesù e rappresenta l’inizio della nostra Salvezza”.

La presenza di San Giuseppe al lato destro è quindi vista alla luce del ruolo privilegiato di Maria (accade anche che un altro santo sostituisca San Giuseppe).

Se tuttavia si colloca un’icona del Sacro Cuore dal “lato di Maria”, allora la statua di Maria passa dal “lato di Giuseppe”, visto che assume una posizione meno prominente di quella di suo Figlio.

In un certo periodo della Chiesa è anche esistita la tradizione di dividere i sessi, collocando donne e bambini da un lato e gli uomini dall’altro lato della chiesa. Potrebbe essere il motivo per il quale alcune chiese hanno tutte le donne sante da un lato e i santi maschi dall’altro.

Anche se non c’è alcuna regola imperativa, quindi, la disposizione tradizionale tra sinistra e destra si è sviluppata nel corso del tempo basandosi sui testi biblici e su varie tradizioni culturali.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
liturgiamadonnasan giuseppe
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
FATHER JOHN FIELDS
John Burger
Muore sacerdote che si era offerto volontario...
MARIA DEL MAR
Rodrigo Houdin
È stata abbandonata in una discarica, ma ha c...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
CHARLES
Anna Ashkova
La preghiera del Beato Charles de Foucauld da...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni