Aleteia

10 insegnamenti del Curato d’Ars nella lotta contro il demonio

Condividi
Commenta

Satana voleva impedirgli di celebrare la Messa e diede fuoco alla sua camera da letto

Il Santo Curato d’Ars nacque in Francia nel 1786. Era un grande predicatore, compiva molte mortificazioni ed è stato un uomo di preghiera e carità. Aveva un dono speciale per la Confessione. Per questo le persone accorrevano da ogni luogo per confessarsi con lui e ascoltare i suoi santi consigli. Per via del suo fecondo lavoro pastorale è stato nominato Patrono dei Sacerdoti. Ha anche combattuto contro il Maligno in varie occasioni, a volte anche non solo a livello spirituale.

In un’occasione, mentre si preparava a celebrare la Messa, un uomo gli disse che la sua camera da letto stava andando a fuoco. Quale fu la sua risposta? “Quel villano d’un grappino! Non ha potuto prendere l’uccello, e così brucia la gabbia”. Consegnò la chiave a chi andava ad aiutare a estinguere il fuoco. Sapeva che Satana voleva impedirgli di celebrare la Messa e non glielo permise.

Dio premiò la sua perseveranza di fronte alle prove con un potere straordinario che gli permetteva di espellere i demoni dalle persone possedute.

La sua fiducia in Dio e la sua fede inamovibile ci offrono varie lezioni che possono aiutarci anche nelle nostre lotte quotidiane su questa terra. Sì, il male esiste, ma Dio è più potente. “Chi è come Dio?”

Ecco alcuni insegnamenti che ci offre il Curato d’Ars nella lotta contro il demonio:

1. Non immaginate che esista un luogo sulla terra in cui possiamo fuggire dalla lotta contro il demonio. Se abbiamo la grazia di Dio, che non ci viene mai negata, possiamo sempre trionfare.

2. Come il buon soldato non ha paura della battaglia, così il buon cristiano non deve aver paura della tentazione. Tutti i soldati sono validi nell’accampamento, ma è sul campo di battaglia che si vede la differenza tra coraggiosi e codardi.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni