Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Pedro Claver, il santo che ha battezzato 300mila anime

Saint Peter Claver
Public Domain
Condividi

Festeggiato il 9 settembre, Pedro Claver è il santo patrono della Colombia

Pedro Claver è nato nel 1580 dalle parti di Barcellona, in seno a una famiglia molto devota. Dopo studi brillanti, a vent’anni entrò nel noviziato della Compagnia di Gesù a Tarragona. Strinse allora un vincolo amicale con sant’Alonso Rodriguez, 47 anni più grande di lui. Costui comprese, grazie a una visione, che Pedro Claver aveva per destino di diventare apostolo del Nuovo Mondo, e riuscì a convincerlo a partire.

Il giovane spagnolo attraversò allora l’Atlantico all’età di 30 anni per raggiungere la Nuova Granada, l’attuale Colombia. S’installò a Cartagine delle Indie, città portuale dove arrivavano schiavi neri a centinaia, stipati negli scafi delle navi dei negrieri. È lì che venne ordinato prete, il 19 marzo 1616. Sei anni più tardi, Pedro Claver firmò la formula dei propri voti di religione: «Petrus Claver, Æthiopium semper servus» (Pedro Claver, schiavo degli Etiopi [per estensione, degli Africani, N.d.T.], per sempre).

Le migliaia di schiavi di Cartagine delle Indie erano per lui figli, e passava le sue giornate a edificarli, ad ascoltare le loro confessioni e a prendersi cura di loro. Ciononostante, assistette impotente alle repressioni dell’Inquisizione su quanti, tra gli schiavi, venivano accusati di stregoneria e bruciati. Pedro Claver si consacra allo stesso modo ai condannati a morte e a tutti i più miserabili. «Troverete dei confessori nella città; io, invece, sono il confessore degli schiavi», spiega agli uomini liberi che venivano a trovarlo.

Dispensò energie enormi per convertire i peccatori. Affermò a quelli che esortava a convertirsi: «Dio conta i tuoi peccati; il primo che commetterai sarà forse l’ultimo!». In tal modo riuscì a battezzare centinaia di migliaia di persone. Molti miracoli gli sono attribuiti, alcuni dei quali si sono realizzati mediante il crocifisso di noce che portava al collo. Lo storico americano Michael Peter Malone riporta per esempio il battesimo di Augustina. Questa schiava sarebbe risorta sul suo letto di morte per essere battezzata dal prete, prima di morire nuovamente.

Dopo 44 anni di indefessa offerta di sé, marcata da numerose conversioni, morì, fisicamente e moralmente sfinito. Beatificato nel 1850 da San Pio IX e canonizzato 38 anni più tardi da Leone XIII, Pedro Claver è oggi conosciuto come “patrono universale delle missioni presso i neri”, “difensore dei diritti dell’uomo” e santo patrono della Colombia. Giovanni Paolo II disse di lui che brillava «di una chiarezza speciale nel firmamento della carità cristiana di ogni tempo». È festeggiato il 9 settembre.

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni