Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Là dove Gesù incontrò la Samaritana ancora oggi è possibile attingere l’acqua dal pozzo

POZZO SICAR TERRA SANTA
You Tube
Condividi

di Chiara Tamagno

Ancora oggi è possibile sedersi sul bordo di pietra dell’antico pozzo di Sicar, noto per il racconto evangelico di Gesù e della samaritana. Non solo, ma si può anche attingere acqua con il secchio che un monaco ortodosso immerge nella cavità della roccia e bere l’acqua fresca che a suo tempo dissetò il Signore Gesù. Una luce posta a illuminare il foro del pozzo, ne fa apprezzare la profondità di circa 30 metri (corrispondenti alla misura di 14 braccia citata nel Vangelo di Giovanni).

Il pozzo di Sicar si trova nella cripta della Chiesa ortodossa di Nablus, nel cuore della Samaria. Un luogo che ha antichissimi riferimenti biblici, a cominciare dal tempo di Giacobbe che, di ritorno dalla Mesopotamia, qui acquistò un terreno e vi fece costruire il pozzo per dissetare la sua famiglia e i suoi armenti (Gen. 33, 19-20). Campo che egli legò a suo figlio Giuseppe, che vi fu seppellito quattro secoli più tardi, quando il popolo ebraico ritornò dall’esodo in Egitto.

E proprio al pozzo venne a prendere riposo Gesù, sulla strada di ritorno dalla Giudea, mentre i suoi discepoli andavano nel villaggio in cerca di cibo. Molto noto è il racconto evangelico del dialogo tra il Signore e la donna samaritana che era venuta al pozzo ad attingere acqua (Gv 4, 5-42): «Se tu conoscessi il dono di Dio e chi è colui che ti dice “dammi da bere” tu stessa gliene avresti chiesto ed egli ti avrebbe dato acqua viva».

Così il pozzo di Sicar, già sacro per gli ebrei legati alla memoria di Giacobbe, diventa luogo santo anche per i cristiani che vi riconoscono il segno del passaggio di Gesù e la rivelazione del suo messaggio sull’acqua della vita. Da allora le fonti parlano di una tradizione ininterrotta di devozione, dapprima all’interno di una chiesa a forma di croce già in epoca pre-costantiniana, quindi di un tempio a tre navate in epoca crociata e, dopo alcuni secoli in cui il santuario fu lasciato in rovina, si arriva al restauro dell’antica cripta da parte dei greci ortodossi, che ne acquistarono la proprietà nel 1860. I lavori di costruzione della chiesa attuale iniziarono solo al tempo del primo conflitto mondiale e si conclusero negli anni successivi.

La chiesa presenta i segni dell’antico passato, soprattutto nelle colonne che conservano ancora capitelli romani. Pregevoli le numerose icone dedicate all’incontro di Gesù con la donna samaritana, ma anche ad alcuni santi.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.