Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

“Le mie armi”. Una poesia di Santa Teresa di Lisieux

Condividi

“Sapranno i nemici che son regina e che di un Dio la sposa sono!”

“Rivestitevi dell’armatura di Dio, per poter resistere alle insidie del diavolo”. S. Paolo

“La sposa del Re è terribile come un esercito schierato in battaglia, è simile a un coro di musica in un campo di armati”. Cantico dei Cantici

 

Dell’Onnipotente ho vestito l’armi.

La sua mano s’è degnata ornarmi

e ormai quaggiù nulla m’allarma più.

Dal suo amore chi mi separerà?

Lanciandomi al suo fianco nell’arena,

io né ferro né fuoco temerò.

Sapranno i nemici che son regina

e che di un Dio la sposa sono!

Gesù, sino alla sera della vita

porterò l’armatura che ho indossata 

sotto il tuo amato sguardo; e livrea bella

saranno i miei sacri Voti.

O Povertà, mio primo sacrificio,

ovunque mi seguirai finché io muoia,

perché, lo so, per vincere la gara

l’atleta deve in tutto distaccarsi.

O mondani, provate e pena e scrupolo,

amari frutti dell’orgoglio vostro!

Lieta nell’arena la palma colgo

di santa povertà.

Gesù ha detto: “È con la violenza 

che il regno dei Cieli va conquistato”.

Ecco: la Povertà sarà mia Lancia

e mio glorioso Elmo.

La Castità mi fa sorella agli Angeli,

che son Spiriti puri e vittoriosi.

Volerò fra le loro schiere un giorno,

ma lottar con loro in esilio devo;

devo lottare senza riposo e tregua

per il mio Sposo, Signor dei Signori.

La Castità è la mia celeste Spada

che i cuori a lui può conquistare.

Con essa sono vinti i miei nemici;

io con essa sono – gioia ineffabile! – 

la Sposa di Gesù!

D‘in mezzo alla luce l’altero Angelo

ha gridato: “Io mai obbedirò!”.

Nella notte del mondo io grido invece:

“Sempre io voglio obbedir quaggiù”.

In me un’audacia santa sento nascere,

dell’intero inferno il furore sfido:

l’Obbedienza è la mia Corazza forte

e lo Scudo del mio cuore.

Per me sola gloria, Dio degli Eserciti,

è la volontà in tutto sottomettere,

perché l’Obbediente vittoria canta

tutta l’eternità.

Se ho l’armi potenti del Guerriero

e l’imito gagliarda combattendo

come la Vergine di grazie adorna,

voglio anche combattere e cantare.

Della tua lira fai vibrar le corde,

Gesù; e quella lira è il cuore mio.

Io cantar potrò la dolcezza e forza

delle tue Misericordie.

Io sfido sorridente la mitraglia

e fra le braccia tue, divino Sposo,

cantando morire vorrò sul campo,

con l’Armi in pugno. 

 

(Traduzione tratta dalle “Opere complete” di una poesia composta da santa Teresina di Gesù Bambino e del Volto Santo il giorno di una professione)

Leggi anche: Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux scattate dalla sorella Céline

 

QUI IL LINK ALL’ARTICOLO ORIGINALE

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.