Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 30 Novembre |
San Francesco Antonio Fasani
home iconStile di vita
line break icon

Non si tuffa per rispettare un minuto di silenzio: “Certe cose non valgono tutto l’oro del mondo”

Twitter

Silvia Lucchetti - Aleteia Italia - pubblicato il 21/08/17

Ai Mondiali Masters lo spagnolo Fernando Alvarez non si tuffa e rispetta da solo un minuto di silenzio per le vittime di Barcellona

Fernando Alvarez è rimasto al suo posto, in piedi in silenzio ai blocchi di partenza mentre i suoi compagni di gara si tuffavano per cominciare la competizione dei 200 stile rana. Lui non si è mosso e ha vegliato da solo per i morti dell’attentato di Barcellona, perché quando una cosa è giusta e il cuore te lo dice non c’è bisogno di avere l’appoggio, il permesso o la compagnia di altri.

[youtube=https://www.youtube.com/watch?v=_4xKrsrYKNQ&w=560&h=315]

Il gesto ha emozionato il web perché compiuto in totale autonomia durante una gara importante non quanto però il piangere i morti, ricordare le loro vite spezzate dall’ennesimo attentato terroristico al cuore dell’Europa.

L’episodio è avvenuto ai Mondiali Masters di Budapest aperto ad atleti con età uguale o superiore ai 25 anni. Il comitato organizzatore ha rifiutato di eseguire il minuto di silenzio in memoria delle vittime delle Ramblas, richiesto dal nuotatore spagnolo Fernando Alvarez, per motivi organizzativi. Ma lui ha deciso di commemorare i morti comunque, perché “certe cose non valgono tutto l’oro del mondo” ha detto.

“Non c’è tempo” è una frase senza senso in situazioni come questa. E infatti il nuotatore quel minuto se l’è preso da solo, il suo personale minuto di silenzio, la gara può aspettare.


BARCELONA ATTACK

Leggi anche:
Come aiutare i bambini a superare la paura del terrorismo?

Queste le sue parole rilasciate al quotidiano El Español, riprese da Eurosport:

  • 1
  • 2
Tags:
attentatobarcellonanuotovalori sport
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
CHRISTMAS MASS
Gelsomino Del Guercio
Messa di Natale anticipata: dopo il governo, ...
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
MEDALLA MILAGROSA
Corazones.org
Pregate oggi la Madonna della Medaglia Miraco...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Philip Kosloski
A cosa somiglia davvero il Paradiso secondo s...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni