Aleteia

Non fanno più donne come mia madre…

Elzbieta Sekowska / Shutterstock
Condividi
Commenta

… e io voglio essere una di loro

40) Scrivi una lettera a qualcuno come modo per dimostrargli quanto è importante per te.

54 modi per essere misericordiosi durante l’Anno Giubilare della Misericordia

 

Mia madre era una donna impegnata, e dicendo impegnata intendo dire che aveva nove figli. In tutti i miei ricordi pulisce continuamente qualcosa, cucina qualcosa o tiene in braccio qualcuno. Le sue giornate erano caratterizzate da un’attività costante, e l’ho vista raramente seduta.

Tranne la domenica.

La domenica pomeriggio mia madre era sempre al tavolo di cucina alle prese con la sua “corrispondenza”. Agendina degli indirizzi alla mano e circondata da bigliettini, scriveva messaggi d’amore, speranza e consolazione a chi ne aveva bisogno. I destinatari erano familiari, conoscenti e amici ma non solo. Ha scritto perfino all’autrice di un articolo che aveva letto su una rivista, esprimendole il suo apprezzamento per il fatto di aver condiviso la sua storia e mostrando empatia nei confronti della sua sofferenza.

Da bambina non riuscivo a cogliere il senso di una pratica apparentemente così noiosa e antiquata, ma crescendo ho iniziato a capire. Inviando un biglietto, un gesto piccolo e semplice, mia madre stava inviando un potente messaggio di affermazione e amore a ogni persona. Stava riconoscendo che l’evento per il quale le persone soffrivano o che stavano celebrando valeva la gioia o il dolore che provavano. Stava dicendo: “Sono qui con te. Non sei solo. Proprio ora, mentre scrivo questo biglietto, ti sto pensando e sto pregando per te”.

Quando mia madre è morta sono stata avvicinata da un amico di mio fratello maggiore, che mi ha raccontato quanto fosse rimasta commossa sua moglie da un biglietto che aveva ricevuto poco tempo prima da mia madre. Ha detto che di tutte le cose offerte alla moglie dopo la morte improvvisa del padre, quella più toccante e confortante era stata un biglietto mandatole da mia madre. “Non fanno più donne come tua madre”, ha lamentato. “Così di classe”.

Non fanno più donne come mia madre, e io vorrei essere una di loro.

In quest’epoca di Internet abbiamo dimenticato il potere e l’impatto di un messaggio scritto a mano. È tanto più semplice inviare un’e-mail o postare una risposta su Facebook… Anche se non sono inutili, questi messaggi non hanno lo stesso valore. L’e-mail più bella non conterrà il calore e il tocco personale di un messaggio manoscritto.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni