Aleteia

Disputare felicemente sul web per conoscere se stessi

Livertoon - Shutterstock
Condividi
Commenta

Un saggio di Bruno Mastroianni per sedare il troll che è in noi...

“La disputa felice non serve per battere l’altro interlocutore o per convincerlo che le sue posizioni sono sbagliate, ma per fargli notare quel qualcosa in più che nel suo ragionamento iniziale non c’era”. Bruno Mastroianni, filosofo e giornalista, docente di comunicazione, spiega i contenuti del suo libro “La disputa felice, dissentire senza litigare sui social network, sui media e in pubblico”, (Franco Cesati Editore), un prezioso manuale che insegna a trasformare gli sterili battibecchi digitali in esperienze costruttive.

La tentazione della parola finale 
“La chiave della disputa felice è che nella divergenza c’è sempre un valore”, spiega Mastroianni. “Abbiamo spesso un’aspettativa sbagliata nei confronti dei social network: li consideriamo cioè luoghi in cui pronunciare la parola definitiva su ogni questione. Siamo, in fondo, tutti un po’ complottisti: di fronte alla complessità della vita siamo tentati di trovare una spiegazione definitiva. Nei social, nei dibattiti mediatici o negli incontri in società, tendere troppo ad affermazioni definitive significa però chiudersi alla possibilità di nuove conoscenze. Bisogna invece entrare in un atteggiamento metodologico che, di fronte alla discussione di un tema difficile, considera la possibilità di incontrare nuove prospettive. Alcune di queste possono sfidare la mia concezione del mondo; altre la possono rinforzare: ma comunque, nella dinamica fra chi è d’accordo con me e chi non lo è, scoprirò cose nuove. Dissentire felicemente mi dà dunque la possibilità di allargare le mie conoscenze”.

Chi disputa conosce se stesso 
“Quando invece dialogo solo con chi è d’accordo come me – aggiunge l’autore de ‘La disputa felice’ – cado in un effetto di risonanza e imitazione reciproca. Inizio a parlare con parole chiave e il mio linguaggio e la mia capacità di argomentare s’impoveriscono, mentre il mondo diventa meno interessante”. “La tattica giusta per disputare felicemente – prosegue Mastroianni – è uscire dal proprio mondo e provare ad entrare in quello dell’altro. E soprattutto rendersi conto come del nostro mondo abbiamo spesso una concezione preconfezionata. L’altro, colui che sfida il nostro mondo, ci aiuta a capire cosa ci manca. Se noi non sappiamo comunicare e spiegare ciò in cui crediamo significa che c’è un difetto nella nostra adesione a quel pensiero. Cioè, la nostra identità quando è sfidata migliora, perché siamo costretti a capire chi siamo veramente. Disputare e incontrare la differenza è il modo più immediato per scoprire chi siamo e cosa pensiamo della vita. I social sono, da questo punto di vista, una grande occasione”.

Oltre il bivio 
“Dobbiamo superare il primo istinto: quello di dichiarare subito se si è d’accordo o no con una certa affermazione. E provare ad andare oltre: chiederci se abbiamo qualcosa da aggiungere a quella riflessione, rielaborandola. Bisogna superare la logica del bivio, che è spesso solo una reazione all’orrore per la complessità. Invece molti problemi restano sospesi ed è inutile trasformarli in terreno di contrapposizione, stabilendo con l’accetta cosa è giusto e cosa è sbagliato. Sono piuttosto occasioni di collaborazione per affrontare insieme i problemi. Anche perché quando si è in contrapposizione si dimentica l’argomento di cui stiamo parlando e questo è il male più grande in cui si può incorrere sui social”.

Francescoterapia 
“Un altro titolo che avrebbe potuto avere questo libro è proprio: Francescoterapia”, aggiunge Mastroianni. “Quello che ci ha spiegato il Papa – infatti – è che le cose si conoscono bene solo da vicino. E’ illusorio avere una visione distaccata del mondo. Le cose vanno incontrate, toccate, odorate. Se io voglio capire le ragioni dell’altro devo entrare nelle sue argomentazioni. Il lato della relazione con l’altro è preminente rispetto ai contenuti. Succede anche a noi con le persone con cui discutiamo. Finché non entriamo nel loro mondo, anche se ci sembrano ostili o hanno palesemente torto, non riusciremo a stabilire una comunicazione proficua. Ogni volta che stigmatizziamo qualcuno come ignorante e lo lasciamo andare, abbiamo regalato un altro consenso al populismo. Oggi servono dispute felici che creino legami e avvicinamento”.

Si può fare! 
“Siamo in un momento storico in cui c’è la tentazione di rinunciare, chiudere tutto e tirarsi fuori dalle discussioni sul web. Oppure chiediamo che ci sia una regolamentazione dall’alto, una censura”, sottolinea Vera Gheno, sociolinguista specializzata in Comunicazione mediata dal computer, autrice della prefazione del libro ‘La disputa felice’. “Ci si concentra molto meno – aggiunge – sulla responsabilità del singolo. Come utente dei social e come docente di comunicazione sono invece convinta che si può cercare di crescere come utenti della rete. La disputa felice non è semplice: richiede molto sforzo, molta autocritica. Ma con costanza e pazienza si possono raggiungere dei risultati. E’ una prospettiva di lunga durata e certo questo libro non è la panacea di tutti mali. Diciamo che è un mattone importante per cominciare un percorso”. “Mi ero resa conto – prosegue la Gheno – che in vent’anni di frequentazione della rete avevo accumulato soprattutto ‘nemici’. Poi, ho capito che non sono nemici, ma semplicemente persone con un punto di vista diverso. Spesso, siamo convinti che sia bello comportarsi da polemisti combattivi, carichi d’ironia sferzante e cinismo. Poi, però, si resta con l’amaro in bocca e questo modo di comunicare lascia un clima negativo. E invece importante lasciare in ogni conversazione un piccolo seme positivo”.

 

QUI L’ORIGINALE

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni