Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 25 Novembre |
Santa Caterina d'Alessandria
home iconSpiritualità
line break icon

Il giorno in cui Gesù fece da chierichetto: la leggenda di Pietro Paschal

Jerónimo Jacinto de Espinosa | PD

Larry Peterson - pubblicato il 07/08/17

Questo santo del XIII secolo aveva un tale zelo per il Vangelo che molti musulmani si convertirono grazie a lui

Pietro Paschal nacque a Valencia (Spagna) nel 1227. I suoi genitori erano devoti mozarabici (cristiani iberici) che vivevano sotto il dominio musulmano, pagando una tassa annuale. I mozarabici e gli arabi musulmani coesistevano e parlavano anche una lingua simile, il mozarabico.

Il fondatore dei Mercedari, San Pietro Nolasco, era un buon amico della famiglia di Pietro, e lui e i suoi compagni mercedari si fermavano spesso a casa di Paschal quando andavano a liberare i cristiani prigionieri. Frequentare questi uomini pii aiutò a instillare nel giovane Pietro un profondo senso di pietà, che unito all’influenza virtuosa, caritatevole e amorevole dei suoi genitori lo fece diventare un servo di Dio profondamente devoto.

Ironicamente, l’influenza fondamentale nel viaggio educativo di Pietro fu quella di un insegnante che i suoi genitori avevano riscattato dai Mori anni prima. Pietro si recò con lui a Parigi, e sotto la sua guida studiò, predicò e insegnò, guadagnandosi una buona reputazione come uomo istruito e pio.




Leggi anche:
La Chiesa accettò o si oppose alla schiavitù? Le risposte in uno studio

Tornò poi a Valencia, e Pietro Nolasco divenne il suo consulente spirituale. Dopo un altro anno di preparazione divenne membro dell’Ordine della Beata Vergine Maria della Misericordia, i cosiddetti Mercedari. Era il momento di iniziare a riscattare i cristiani prigionieri.

Pietro Paschal aveva una mente brillante, e Giacomo I, re di Aragona, lo nominò insegnante di suo figlio Sanchez, che fu così influenzato da Pietro da diventare egli stesso sacerdote mercedario ed essere nominato nel 1262 arcivescovo di Toledo. Visto che il principe Sanchez era troppo giovane per essere consacrato, Pietro Paschal venne nominato alla guida della diocesi e fu ordinato vescovo di Granada, all’epoca sotto il controllo dei musulmani.

Come vescovo di Granada, Paschal predicò instancabilmente sul cristianesimo. Divenne noto per la sua grande determinazione e il suo zelo nel recuperare i cristiani resi schiavi e imprigionati dai Mori. La sua predicazione fu così potente che molti musulmani iniziarono ad abbracciare le dottrine di Gesù Cristo e a convertirsi al cristianesimo.

Oltre a predicare, Pietro riscattava continuamente cristiani catturati dai Mori, confortava i prigionieri e predicava il Vangelo ai loro sequestratori. La sua capacità di portare i Mori alla Chiesa fu la ragione per la quale alla fine fu arrestato. A nessuno venne permesso di parlargli.

Pietro venne tenuto in prigione e trattato costantemente con crudeltà e disprezzo, ma ricevette il permesso di offrire ogni giorno il Santo Sacrificio della Messa, ed è qui che nasce la pia leggenda di San Pietro Paschal.

Una mattina, dice la leggenda, mentre Pietro si stava preparando per la Messa, un bambino di circa cinque anni gli apparve davanti. Era vestito come uno schiavo e disse al vescovo che avrebbe servito volentieri la Messa per lui se glielo avesse permesso. Pietro gli chiese chi fosse e il piccolo rispose: “Ti dirò chi sono quando avrei finito la Messa”.

  • 1
  • 2
Tags:
apparizionechierichettogesù cristomusulmanisantotestimonianze di vita e di fedevescovo
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Paola Belletti
Lucia Lombardo, dall'esoterismo alla fede in ...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOJTYLA
Teologia del corpo and more
La vera rivoluzione sessuale fu quella del ve...
KONTEMPLACJA
Mercedes Honrubia García de la Noceda
Accetto la separazione con speranza, per amor...
CARLO ACUTIS MIRACOLI EUCARISTICI
VatiVision
Carlo Acutis: il documentario sulla mostra su...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni