Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 26 Novembre |
Santa Caterina d'Alessandria
home iconNews
line break icon

Le drammatiche immagini della vile strage dei cattolici in Nigeria

BLACK SUNDAY ATTACK

Richii Anayo Nwobasi via Facebook | Fair Use

Gelsomino Del Guercio - Aleteia Italia - pubblicato il 07/08/17

Questa volta c'entrerebbe la droga e non i fondamentalisti di Boko Haram

Un uomo vestito di nero entra in chiesa e inizia a sparare all’impazzata sui fedeli. Ne restano immobili decine, tra morti e feriti, per uno degli attacchi più vili e assurdi avvenuti di recente in Nigeria.

E così si è tinta di sangue innocente domenica 6 agosto nella chiesa cattolica di Saint Philip a Ozubulu, una città nel sud della Nigeria, dove i cattolici speravano di celebrare una santa messa come tante altre, nel segno della preghiera e del raccoglimento.

Di seguito, abbiamo deciso di pubblicare uno dei video più drammatici girati subito dopo la strage. Le immagini sono destinate ad un pubblico adulto e non facilmente influenzabile.

REGOLAMENTO DI CONTI

Il capo della polizia dello Stato di Anambra, Garba Baba Umar, che ha confermato l’attacco e visitato la chiesa, scrive il quotidiano nigeriano Daily Times, scredita la pista terroristica: «I morti sono 11, ci sono 18 feriti e dalle informazioni che abbiamo siamo convinti che si tratti di un regolamento di conti tra gang locali di narcotrafficanti».

IL “SIGNORE DELLA DROGA”

A sparare, secondo Baba Umar, «è stato un uomo solo con un mitragliatore, a volto coperto, che cercava una persona in particolare», che però non c’era. Chi? Un «signore della droga» che fa affari milionari in Sudafrica, ma che in patria è visto come un filantropo: nel villaggio coi suoi soldi ha fatto costruire strade ed edifici religiosi, compresa la chiesa di Saint Philip in cui qualcuno ha cercato di ammazzarlo (Corriere della Sera, 6 agosto).

“COLPITO IL PADRE”

Secondo la polizia non ci sono riusciti, ma avrebbero colpito il padre. «Non abbiamo ancora preso l’attentatore. Però sappiamo che è di queste parti», assicurano. Ed è un elemento importante: Ozubulu è nella zona centro-meridionale della Nigeria, lontano dal 20% del territorio controllato da Boko Haram, che agisce soprattutto nel Nord-Est del Paese.

NON E’ TERRORISMO

Dunque le autorità nigeriane tendono ad escludere che la strage sia stata organizzata o compiuta dagli integralisti islamici, benché siano centinaia le chiese e i luoghi di culto attaccati, incendiati e distrutti dai fondamentalisti negli ultimi dieci anni (Ansa, 6 agosto).

BERSAGLIO SBAGLIATO

Rimane un interrogativo: perché sparare a tutte quelle persone? La ricostruzione più accreditata sostiene che il killer (sempre che fosse uno solo: testimoni hanno parlato di più persone, smentiti però dagli investigatori) sia andato a cercare la propria vittima a casa. Il «drug lord» non era lì: doveva essere in chiesa. L’assassino è entrato nella cappella e si è diretto verso quello che credeva il suo bersaglio. Prima ha sparato a lui, poi forse ha capito di aver sbagliato persona. E ha continuato a mitragliare sui fedeli, per aumentare le probabilità di riuscita della sua missione omicida.


NIGERIA SACERDOTE RAPITO

Leggi anche:
“Ti bruceremo vivo”… Così sono sopravvissuto ad un rapimento in Nigeria

Tags:
cattolicinigeriastrage
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Paola Belletti
Lucia Lombardo, dall'esoterismo alla fede in ...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
WSZYSTKICH ŚWIĘTYCH
Gelsomino Del Guercio
8 modi per aiutare e liberare le anime del Pu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOJTYLA
Teologia del corpo and more
La vera rivoluzione sessuale fu quella del ve...
KONTEMPLACJA
Mercedes Honrubia García de la Noceda
Accetto la separazione con speranza, per amor...
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni