Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 26 Luglio |
San Giacomo il Maggiore
home iconNews
line break icon

Le drammatiche immagini della vile strage dei cattolici in Nigeria

BLACK SUNDAY ATTACK

Richii Anayo Nwobasi via Facebook | Fair Use

Gelsomino Del Guercio - Aleteia Italia - pubblicato il 07/08/17

Questa volta c'entrerebbe la droga e non i fondamentalisti di Boko Haram

Un uomo vestito di nero entra in chiesa e inizia a sparare all’impazzata sui fedeli. Ne restano immobili decine, tra morti e feriti, per uno degli attacchi più vili e assurdi avvenuti di recente in Nigeria.

E così si è tinta di sangue innocente domenica 6 agosto nella chiesa cattolica di Saint Philip a Ozubulu, una città nel sud della Nigeria, dove i cattolici speravano di celebrare una santa messa come tante altre, nel segno della preghiera e del raccoglimento.

Di seguito, abbiamo deciso di pubblicare uno dei video più drammatici girati subito dopo la strage. Le immagini sono destinate ad un pubblico adulto e non facilmente influenzabile.

REGOLAMENTO DI CONTI

Il capo della polizia dello Stato di Anambra, Garba Baba Umar, che ha confermato l’attacco e visitato la chiesa, scrive il quotidiano nigeriano Daily Times, scredita la pista terroristica: «I morti sono 11, ci sono 18 feriti e dalle informazioni che abbiamo siamo convinti che si tratti di un regolamento di conti tra gang locali di narcotrafficanti».

IL “SIGNORE DELLA DROGA”

A sparare, secondo Baba Umar, «è stato un uomo solo con un mitragliatore, a volto coperto, che cercava una persona in particolare», che però non c’era. Chi? Un «signore della droga» che fa affari milionari in Sudafrica, ma che in patria è visto come un filantropo: nel villaggio coi suoi soldi ha fatto costruire strade ed edifici religiosi, compresa la chiesa di Saint Philip in cui qualcuno ha cercato di ammazzarlo (Corriere della Sera, 6 agosto).

“COLPITO IL PADRE”

Secondo la polizia non ci sono riusciti, ma avrebbero colpito il padre. «Non abbiamo ancora preso l’attentatore. Però sappiamo che è di queste parti», assicurano. Ed è un elemento importante: Ozubulu è nella zona centro-meridionale della Nigeria, lontano dal 20% del territorio controllato da Boko Haram, che agisce soprattutto nel Nord-Est del Paese.

NON E’ TERRORISMO

Dunque le autorità nigeriane tendono ad escludere che la strage sia stata organizzata o compiuta dagli integralisti islamici, benché siano centinaia le chiese e i luoghi di culto attaccati, incendiati e distrutti dai fondamentalisti negli ultimi dieci anni (Ansa, 6 agosto).

BERSAGLIO SBAGLIATO

Rimane un interrogativo: perché sparare a tutte quelle persone? La ricostruzione più accreditata sostiene che il killer (sempre che fosse uno solo: testimoni hanno parlato di più persone, smentiti però dagli investigatori) sia andato a cercare la propria vittima a casa. Il «drug lord» non era lì: doveva essere in chiesa. L’assassino è entrato nella cappella e si è diretto verso quello che credeva il suo bersaglio. Prima ha sparato a lui, poi forse ha capito di aver sbagliato persona. E ha continuato a mitragliare sui fedeli, per aumentare le probabilità di riuscita della sua missione omicida.


NIGERIA SACERDOTE RAPITO

Leggi anche:
“Ti bruceremo vivo”… Così sono sopravvissuto ad un rapimento in Nigeria

Tags:
cattolicinigeriastrage
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
3
Catholic Link
Una guida per l’esame di coscienza da ripassare prima di og...
4
Gelsomino Del Guercio
Cesare Cremonini indica al cardinale Zuppi “la strada per i...
5
MASS
Gelsomino Del Guercio
Niente Green Pass per andare a messa: la precisazione del Governo
6
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
7
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni