Ricevi Aleteia tutti i giorni
Solo le storie che vale la pena leggere: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La fede è un farmaco potentissimo per battere la depressione

©Milly Gualteroni
Condividi

La storia di Milly Gualteroni che racconta la sua depressione con gli occhi di chi ha incontrato l'amore di Dio

Nel libro racconti molti episodi in cui hai sentito la presenza del demonio, ci vuoi dire qualcosa a riguardo?

Nelle mie crisi depressive ho percepito la presenza del Male, quel Maligno che è entrato nella mia vita e mi ha divisa interiormente. In questo senso, l’incontro con Gesù mi ha guarita, mi ha salvata, offrendomi quella salvezza che è già possibile su questa terra. Scoprendo la grandezza dell’amore di Dio, il mio cuore è stato scosso dal peso dei peccati e poi ricolmato da quella gioia che nasce dall’incontro con il Signore. Ho compreso il significato di quella tristezza che il catechismo definisce un’afflizione dello spirito e una contrizione del cuore salutari. Per questo sono grata alla Chiesa, luogo della Parola e dei Sacramenti, sospirato, dolce porto dopo la mia lunga, travagliatissima navigazione nella tempesta.

C’è un messaggio che vuoi condividere con chi sta combattendo la battaglia che tu hai vinto?

Quando avevo 20 anni e mi consideravo un agnostica, pensavo che l’unico modo per affrontare l’abisso della depressione fossero gli psicofarmaci. Poi ho scoperto che siamo molto di più di un cervello fatto di sinapsi e meccanismi che s’inceppano. Noi siamo un corpo e un’anima spirituale: un’anima che oggi stenta, schiacciata e rattrappita dalle logiche di una vita vissuta solo nella dimensione orizzontale. Un’anima, che quando riprende a respirare in Cristo ritrova la relazione con la vita autentica! Ritorna a vivere nel rapporto col nostro Dio misericordioso, sempre pronto ad afferrare la nostra mano per tirarci fuori dagli abissi, anche quelli piccoli, quotidiani; a patto che questa mano, noi, gliela tendiamo. A chi soffre di depressione, mi sento di dire di affidarsi e fidarsi di Dio, di non vivere questa sofferenza come un tormento che allontana da Lui, ma di accettarla come un limite, una ferita dentro la quale può agire il Suo amore. Certi che dopo il buio della notte ritorna sempre il sole.

ACQUISTA QUI IL VOLUME

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni