Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 07 Maggio |
Santa Rosa Venerini
home iconStile di vita
line break icon

Testimonianza: genitori single che si battono per educare i figli nella fede

Denis Kuvaev | Shutterstock

Sophie Le Noën - pubblicato il 03/08/17

Prima di conoscere la prova della separazione o del divorzio, volevano fondare un focolare domestico cristiano. Come fanno, malgrado il fallimento, Hermine, Claire, Caroline ed Eric ad andare avanti nel loro impegno di educare i bambini nella fede? Ce lo raccontano…

Domenica mattina, in una chiesa parigina suona la campana della sagrestia ed esce il prete per la messa. Hermine ci va coi suoi due figli. Dalla separazione dal marito, che è stata anche difficile, cerca di mantenere una relazione della sua famiglia con Dio, per quanto a singhiozzi. Nel timore di essere rigettata da un “ambiente borghese” e col sentimento di essere “marginalizzata”, Hermine confida di non essere più andata a messa per molto tempo per via degli stessi cattolici. «Ho sviluppato una grande diffidenza! Ne ho incontrati di meravigliosi, luminosi! Ma la mia storia mi ha marginalizzata», confida la giovane donna, distrutta dal non essere più “normale”.

«Un amico mi ha preso sotto le sue ali e mi ha riportata a messa», dice ancora.

Ci sono tornata principalmente per amicizia nei suoi confronti. Mi sento così in difficoltà. Avevo vissuto l’inferno, nel mio matrimonio: aggredita e violentata. La realtà dei ragazzi che incrociavo mi riportava all’orrore della mia storia e ai rimpianti di ciò che avrei dovuto vivere.

Riportata a suo agio nel proprio contesto, Hermine ha trovato ormai una parrocchia dove si sente bene: «La gente non sta lì né per giudicare né per mettersi in mostra. Ci sono persone di tutte le classi e di ogni etnia». Per quanto riguarda il catechismo, i bambini di Hermine sono iscritti in una scuola privata: «Questo facilita il tutto. Ho bisogno di passare la fiaccola per la trasmissione della fede», dice.

I bambini e la loro fede, il danno collaterale di un divorzio?

Caroline ha, anche lei, il sentimento di arrampicarsi sugli specchi:

Dalla nostra separazione il mio ex marito non va più a messa; già non ci andava da diversi anni. Ma adesso si oppone anche a che io dia un’educazione cristiana ai nostri bambini… Arriva perfino a dire loro che Dio non esiste e che io racconto loro delle bugie.

Per Claire è più complicato:

Tra gli orari incompatibili per una madre single che lavora e l’impressione che i miei bambini fossero fuori posto in mezzo a delle famiglie “classiche”, ho abbandonato. Li porto spesso a stare con delle suore. Vedono che lì ricevono Gesù all’ennesima potenza. La faranno lì, la prima comunione. Non avevo il coraggio di affrontare la mia solitudine in mezzo a una parrocchia.

E la fede di un genitore separato, in tutto ciò?

«Con tutto ciò che mi è capitato, ho perso la fede», dice Hermine.

Eric, al contrario, ha rinverdito il rapporto con Cristo, nella prova. Questo padre non era molto praticante, prima del divorzio.

All’indomani della separazione e delle seccature che me ne sono derivate ho ritrovato una pratica più intensa della mia fede, soprattutto nella preghiera quotidiana. In parte è quello che mi ha fatto tenere duro in questo periodo turbolento.

Per questi genitori, malgrado l’angoscia di fallire e l’incertezza quanto al loro proprio futuro, permane la speranza. Caroline si sbottona e dice:

Mi sento molto in colpa per non essere riuscita a dare ai miei bambini l’educazione cristiana che volevo per loro. È per me una grande sofferenza. Allora faccio quello che posso, e poi li affido nelle mani del buon Dio…

[traduzione dal francese a cura di Giovanni Marcotullio]

Tags:
educazioneeducazione cristianapadri separatiseparazione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
2
Catholic Link
Non mi piaceva Santa Teresa di Lisieux finché non ho imparato que...
3
TAMING TRIPLETS
Annalisa Teggi
Resta incinta mentre era già incinta: sono nate 3 bimbe e stanno ...
4
VANESSA INCONTRADA
Gelsomino Del Guercio
Vanessa Incontrada: ho scelto di battezzarmi a 30 anni per ritrov...
5
CHIARA AMIRANTE
Gelsomino Del Guercio
Chiara Amirante inedita: la cardiopatia, l’omicidio scampat...
6
Web católico de Javier
Aneddoti che raccontano l’umorismo di Padre Pio
7
Annalisa Teggi
Intrappolata in un macchinario tessile: muore Luana, mamma di 22 ...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni