Ricevi Aleteia tutti i giorni
Comincia la tua giornata nel modo migliore: leggi la newsletter di Aleteia
Iscriviti!
Aleteia

Una cosa sul sesso che è urgente diffondere

COPPIA BACIO AMORE
©Solominviktor/Shutterstock
Condividi

L’amore coniugale è un dono che alimenta lo spirito degli sposi

Una coppia, quando si sposa, sceglie di amarsi come ama Dio – in modo libero, totale, fedele, fecondo – e sull’altare esprime dei voti rispondendo alle domande poste dal sacerdote.

Le promesse si fanno sull’altare e poi si compiono nella notte di nozze quando ci si dona a livello corporeo. Prima sono state parole, promesse spirituali, e ora le rendiamo vita, le portiamo sul piano corporeo per elevarle allo spirito e unirci a Dio.

Il sesso – intimità coniugale – è un vero rinnovamento delle promesse nuziali. Si mette carne sulle parole pronunciate. Per questo è un’unione santa, sacra.

Oltre ad essere il segno attraverso il quale Dio trasmette la sua grazia sacramentale alla coppia, alimenta lo spirito degli sposi. L’unione sessuale è per il matrimonio quello che l’acqua è per il Battesimo.

Genitori, dobbiamo spezzare questo circolo vizioso di disinformazione, e peggio ancora di cattiva informazione, che stiamo trasmettendo alle nostre nuove generazioni. Dobbiamo formarci adeguatamente su questo tema, con persone e istituzioni che ci mostrino il sesso per quello che è, un dono dell’amore di Dio.

Quanti di voi hanno studiato la Teologia del Corpo di San Giovanni Paolo II?

Se non ci sbrighiamo, sarà il mondo a continuare a incaricarsi di “formare” o mal-formare i nostri figli. Non basta essere imprenditori di successo o esperti di questo o quel tema. Bisogna formarsi in modo integrale – corpo, mente e spirito –, e va fatto ora.

Siamo immersi in un letargo spirituale impressionante, e temi come questo – il sesso come mio diritto e senza alcun freno – stanno sequestrando i cuori e le volontà delle persone più vulnerabili. Svegliamoci!

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni