Aleteia

12 invenzioni e scoperte fatte da gesuiti che non vi aspettavate

CC
Condividi
Commenta

Qualcosa a cui pensare mente state seduti sotto l'ombrellone sorseggiando un gin tonic

Se non fosse per la Compagnia di Gesù non ci godremmo alcuni oggetti fondamentali dati per scontati nel mondo moderno. Gli accademici gesuiti e i loro fratelli missionari globetrotter hanno offerto un contributo significativo non solo nel campo dell’astronomia, della sismologia, della matematica e della tecnologia, ma anche in quello del teatro, della botanica, della medicina e della cucina internazionale.

1. Il calendario

Cristoforo Clavio, S.J. (1538–1612), era un noto matematico e astronomo tedesco che modificò la proposta iniziale di Luigi Giglio per il calendario gregoriano, il calendario civile accettato a livello internazionale che usiamo oggi, promulgato nel 1582 da Papa Gregorio XIII.

2. L’ipertesto

L’italiano padre Roberto Busa, S.J. (1913–2011), è stato il pioniere della linguistica computazionale. Mentre stava studiando gli scritti di San Tommaso d’Aquino convinse il fondatore dell’IBM, Thomas J. Watson, che i computer potevano essere usati non solo per i numeri, ma anche per il testo.

3. La selenografia moderna

Steve Jurvetson / Flickr / CC

L’astronomo italiano Giovanni Battista Riccioli, S.J. (1598–1671), e il matematico e fisico Francesco Maria Grimaldi, S.J. (1618–1663), pubblicarono una selenografia su Almagestum Novum (1651) mappando crateri, montagne e altri elementi della luna, il che gettò le basi per la moderna nomenclatura lunare.

4. Calcoli matematici

Jean Charles de La Faille, S.J. (1597–1652), era un matematico fiammingo. Nel suo libro Theoremata de centro gravitatis partium circuli et ellipsis (1632) determinò il centro di gravità del settore di un cerchio. André Tacquet, S.J. (1612–1660), era un altro matematico fiammingo la cui opera gettò le basi per la scoperta del calcolo.

Pagine: 1 2 3

Condividi
Commenta
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni