Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 02 Dicembre |
Blanca de Castilla
home iconSpiritualità
line break icon

Ecco perché il sacerdote bacia l'altare a Messa

Christophe Simon / AFP

Philip Kosloski - pubblicato il 31/07/17

Questo costume liturgico è uno dei più antichi, risalendo al IV secolo

Prima di celebrare ogni Messa, il sacerdote (e il diacono) si avvicina all’altare e lo bacia. A qualcuno questa pratica può sembrare piuttosto singolare, visto che gli altari sono oggetti materiali di pietra o legno e non sembrano richiedere alcuna reverenza particolare.

Qual è il significato dietro questo antico costume?

Da migliaia di anni nelle varie religioni del mondo si baciano gli oggetti sacri. Questa pratica deriva da culture in cui il bacio era considerato un segno di rispetto o veniva usato come una forma di saluto, ed era applicato in modo naturale a oggetti che rappresentavano l’elemento divino.

In certe culture si è anche sviluppata la tradizione di baciare la tavola su cui si consumano i pasti nelle occasioni speciali.

Quando i cristiani hanno sviluppato la liturgia, hanno adattato dei costumi della propria cultura dando loro un nuovo significato. Baciare l’altare era uno di questi.

L’altare trae la sua importanza dal Santo Sacrificio della Messa che vi si celebra. Il vescovo lo consacra quando c’è una nuova chiesa. La cerimonia della consacrazione ricorda in qualche modo il Battesimo di un nuovo cristiano, perché il vescovo usa degli oli sacri per benedire l’altare e dopo le preghiere lo riveste con un telo bianco.

Baciare l’altare può essere quindi considerato un modo per onorare il ruolo speciale che ha nella liturgia e la consacrazione da parte del vescovo.

A livello simbolico, si dice spesso che l’altare rappresenti Gesù Cristo, la “pietra d’angolo” della Chiesa (cfr. Efesini 2, 20). Nella storia della liturgia, il sacerdote a volte bacia l’altare prima di benedire le persone, a simboleggiare come la benedizione venga da Dio, non dal sacerdote.

Nel corso del tempo, inoltre, delle reliquie di santi sono state inserite negli altari, e quando il sacerdote baciava l’altare baciava anche le reliquie.

Se allora è vero che gli altari sono oggetti materiali, sono stati predisposti per un obiettivo specifico, e baciare l’altare riconosce il suo ruolo privilegiato e il rapporto con il sacrificio divino di Gesù Cristo.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
altarebaciochiesaliturgiasacerdotetradizione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
POPE FRANCIS ON CHRISTMAS
Giovanni Marcotullio
Non esiste alcuna “Messa di Mezzanotte”... sì...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
PIAZZA SPAGNA
Gelsomino Del Guercio
Papa Francesco sceglie la prudenza, niente pi...
MESSA NATALE
Gelsomino Del Guercio
Messa di Natale in sicurezza, i vescovi itali...
Silvia Lucchetti
Remo Girone e la fede ritrovata dopo la malat...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni