Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
venerdì 27 Novembre |
Beata Vergine della Medaglia Miracolosa
home iconChiesa
line break icon

Test di Papa Francesco per le vacanze: sai riposare?

AFP Photo / Tiziana Fabi

Papa Francesco indossa un cappello regalatogli da un bambino in Piazza San Pietro dopo le sue udienze speciali per il Giubileo il 18 giugno 2016. Il Pontefice ha accolto altri nove richiedenti asilo siriani a Roma due mesi dopo aver portato un altro gruppo via dalla Grecia sul suo aereo personale, ha affermato il Vaticano il 16 giugno 2016. L'ultimo gruppo era vissuto in un campo di transito nell'isola greca di Lesbo dopo un viaggio pericoloso in mare dalla Turchia. / AFP PHOTO / TIZIANA FABI

Ary Waldir Ramos Díaz - pubblicato il 31/07/17

Saper lavorare eleva la nostra dignità, saper riposare è divino...

La domanda che ci fa Papa Francesco in tempo di vacanze è se sappiamo riposare. In questo mese di luglio, Bergoglio è in vacanza a modo suo: poco ozio e niente viaggi. La Casa Santa Marta, la residenza in cui vive in Vaticano, è il suo rifugio dalla canicola e dal sole dell’estate romana. Lì continuerà a preparare testi e le sue prossime visite pastorali all’estero: in Colombia (6-11 settembre) e in Perù e Cile (a novembre).

Un rigore gesuita presiede i suoi orari. Il Pontefice inizia la sua giornata alle 4.45 del mattino con la lettura del breviario e la meditazione. Nel resto della giornata prepara discorsi, viaggi apostolici e incontri. Fa un riposino dopo pranzo, e alle 16.45 riprende le attività. La giornata termina con la preghiera dalle 22.15 alle 22.45.

Il Papa approfitta del suo tempo ma non rinnega il riposo, che ritiene importante quanto il lavoro. Non si tratta di non far niente, ma di dare un senso alle pause quotidiane.

Papa Francesco mette in guardia dalla “tentazione di riposare in un modo qualunque, come se il riposo non fosse una cosa di Dio”. “La nostra fatica è preziosa agli occhi di Gesù, che ci accoglie e ci fa alzare”, insegna.

Nel momento di massima stanchezza, il Papa invita infine ad arrendersi a Dio, che ci rinnova nella preghiera e nella riflessione.

“Com’è difficile imparare a riposare!”, ha detto ai suoi sacerdoti, ma la cosa si applica anche alle persone sposate, single o che si destreggiano tra le tante attività.

Ecco qualche domanda che ci può aiutare a questo riguardo, dall’omelia che ha pronunciato il 2 aprile 2015. Adattiamole alla vita familiare e alla quotidianità in questo periodo estivo:

1. So riposare ricevendo l’amore, la gratuità e tutto l’affetto che mi dà il popolo fedele di Dio? O dopo il lavoro pastorale cerco riposi più raffinati, non quelli dei poveri ma quelli che offre la società dei consumi?

2. Lo Spirito Santo è veramente per me “riposo nella fatica”, o solo Colui che mi fa lavorare?

3. So chiedere aiuto a qualche sacerdote saggio? So riposare da me stesso, dalla mia auto-esigenza, dal mio auto-compiacimento, dalla mia auto-referenzialità?

4. So conversare con Gesù, con il Padre, con la Vergine e san Giuseppe, con i miei Santi protettori amici per riposarmi nelle loro esigenze – che sono soavi e leggere –, nel loro compiacimento – ad essi piace stare in mia compagnia –, e nei loro interessi e riferimenti – ad essi interessa solo la maggior gloria di Dio – …?

5. So riposare dai miei nemici sotto la protezione del Signore?

  • 1
  • 2
Tags:
lavoropapapapa francescoriposovacanze
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
ILARIA ORLANDO,
Silvia Lucchetti
Iaia: il dono di essere nata e morta lo stess...
Matrimonio cristiano
Karolina Kόzka ha preferito la morte alla vio...
NATALE, IENE, COVID
Annalisa Teggi
Natale, il suo canto di gratitudine commuove ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni