Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La Via Crucis per Charlie Gard: come da cristiani possiamo accompagnarlo in Cielo

Public Domain
Condividi

Il dolore innocente e la sua potenza inerme

Nona stazione
Gesù cade per la terza volta

CHARLIE GARD
Instagram/Charlie's fight

 

«Voi siete quelli che avete perseverato con me nelle mie prove e io preparo per voi un regno,come il Padre mio l’ha preparato per me, perché mangiate e beviate alla mia mensa nel mio regno …
Simone, Simone, ecco: Satana vi ha cercati per vagliarvi come il grano; ma io ho pregato per te, perché la tua fede non venga meno. E tu, una volta convertito, conferma i tuoi fratelli».

 

Lc 22, 28-30a,31-32


Gesù cade per la terza volta
Caro Charlie, piccolo Gesù, la caduta di nostro Signore sotto il peso della croce mi fa pensare alla caduta di noi uomini adulti di questo tempo, alle nostre continue infedeltà, al secolarismo senza Dio che ci attanaglia le caviglie e spinge a terra, sempre più in basso, dove ci vuole il demonio. Tu, vittima innocente, sei estraneo a queste ambiguità e scelleratezze. Ferito e affaticato nella carne mantieni uno spirito intatto, puro, casto. “Gesù che cade per la terza volta” mi fa pensare a te, alla sofferenza che patisci, preziosissima e santa agli occhi di Cristo, inutile per professoroni e dottori, pseudo intellettuali di questo mondo marcio e putrefatto che vorrebbero ucciderti per non incontrare più il tuo sguardo. Eppure il tuo dolore non è senza senso! Quanti cuori sta muovendo! Quante vite sta convertendo! Quanti peccatori sta redimendo! Situazioni piccole, impensabili, lontane o vicinissime. Che grazia enorme! Magari l’infermiera che ti vede tutti i giorni in reparto e non parla con suo fratello da anni per vecchi rancori, osservando la tua famiglia stretta intorno a te, l’unione e l’amore incondizionato dei tuoi genitori, ha sentito un moto di nostalgia, lo sai? Ha pianto ogni giorno di nascosto nella stanza degli armadietti, da quando ha incontrato tua mamma in ascensore. Si è riscoperta creatura, umile, bisognosa di tutto come te,  e magari domanderà al Padre la grazia di perdonare il fratello. Chissà quante persone stai purificando con la tua piccola, malata e debole vita! Quanti peccati stai scontando per noi, non possiamo immaginarlo ma sappiamo che è così.
Perché non capiamo che tu, Charlie piccolo e malato, sei la terapia per la guarigione di noi sani impazziti? Perché non comprendiamo che tu, inerme e povero, sei la cura di questo mondo ricco e smidollato, che si crede padrone di tutto? Che si fa eroe per gli animali e assassino degli uomini?

Possiamo solo rendere grazie a Dio e a te, Charlie, che preghi per noi con la tua vita. Che senza far nulla, restituisci la vista ai ciechi.
Signore, abbi pietà di noi che non viviamo per darti gloria e per amare ma per essere utili, produttivi, prestanti!
Signore, abbi pietà di noi che continuiamo a cadere! Tu che sei il Risorto, rialzaci! Salvaci! Santificaci!
Così sia

(Silvia Lucchetti, redattrice ForHer, Aleteia Italia)

Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.