Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La Via Crucis per Charlie Gard: come da cristiani possiamo accompagnarlo in Cielo

Public Domain
Condividi

Il dolore innocente e la sua potenza inerme

Quinta stazione
Gesù è aiutato dal Cireneo a portare la croce

CHARLIE GARD
Instagram/Charlie's fight

 

Mentre conducevano via Gesù, fermarono un certo Simone di Cirene, che tornava dai campi, e gli misero addosso la croce, da portare dietro a Gesù.

Lc 23,26

 

Costretto a portare la croce dell’Innocente degli innocenti, ma non l’ho fatto: il potere dei meschini, farisei e burocrati della vita, mi ha imposto di staccarti dalla croce. Insopportabile sofferenza di chi non riesce a soffrire. Dato che non parli, continuerò a imporre il silenzio. Dovevano costringermi – fu così per Gesù – a caricarmi e chinarmi per un breve tratto nell’abbracciare il dolore, la sofferenza ma tu non parlavi, piccola croce – anche tu, come Lui, muto agnellino condotto al macello. Non ho ascoltato il tuo farfugliare, non sono riuscito a cogliere le tue richieste di vita, fino alla fine, non indotta, perché anche se breve non era la fine, ma il fine.

Sognarti è stato un dono, mi dicevi, così come fu in un sogno mia madre, chiamato ad andare a benedire un morto, alla benedizione il morto si svegliò; i parenti piangevano, ma continuarono a farlo, non per la gioia dei richiami della vita, ma per il fatto che doveva rimanere morto: tutto era stato pianificato, divisa l’eredità… il morto doveva rimanere morto; così come vogliono i burocrati dell’antivita.

Incontrai lì anche mia madre, sorpreso della sua presenza le dissi: perché sei qua? Mi rispose: per dirti di dire che noi non siamo morti, ma vivi! Che prepotenza: il potere che decide anche per me di ritirarmi in sordina, di guardare senza operare e invece dovrebbe costringermi a chinarmi sul dolore innocente, dell’innocenza. Volevo portarti sulle mie spalle per un breve tratto, perché si tratta di un lieve e leggero giogo, quello di accompagnarti fino all’ultimo respiro. Volevo sentirti spirare e tutto quello che, nella vita di Gesù, come nella tua breve vita, volevo cogliere quel che, rimasto di non detto e di non dicibile a parole, è racchiuso in quel grido, in quel vagito dopo il parto che ti portò e ti porta ora alla nuova vita. Volevo che mi costringessero a farlo, ma non è stato così. Non per farti morire, perché la morte è mia nemica.

Chi ha bisogno di cura, chi soffre, chi è senza tutela, chi è angustiato ha necessità di uomini e donne, di comunità e di pastori audaci e coraggiosi – cirenei – che sappiano guardare e chinarsi. Spero che una scheggia della tua croce mi sia rimasta infissa sulla mia spalla, per ricordarmi di tutti gli innocenti e che diventi l’eco del tuo farfugliamento: dei piccoli di Gesù che non meritano il soffocamento da parte del potere. Per la vita, solo per la vita.

(Don Fortunato Di Noto, fondatore e presidente dell’Associazione Meter) 

Pagine: 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 11 12 13 14

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.