Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Penso che la mia casa sia infestata. Dovrei chiamare un sacerdote?

Africa Studios | Shutterstock
Condividi

I cattolici credono in cose “visibili e invisibili”

Katrina,

i cattolici credono nei fantasmi? Un non cattolico può far venire un sacerdote a benedire la sua casa? Sono curioso perché mi sono appena trasferito in una vecchia casa e ho iniziato a notare alcuni fattori molto strani che mi mettono a disagio e vorrei che un sacerdote venisse a benedire la casa, ma noi non siamo cattolici. Qual è il modo migliore per affrontare la questione?
Grazie!

Chi chiamare

_______________________________

Caro Chi chiamare,

sì, un non cattolico può sicuramente chiamare un sacerdote e chiedere la benedizione della sua casa. La cosa migliore e più facile da fare è semplicemente chiamare la parrocchia più vicina al luogo in cui vivi. Spiega al sacerdote che la tua famiglia non è cattolica ma vorresti far benedire la tua casa. Non essendo affatto una richiesta insolita, nessuno penserà che sia una cosa strana. Il sacerdote potrà fornirti dei dettagli sul processo di modo che tu sappia cosa aspettarti.

La benedizione di una casa è un evento piuttosto comune che in genere si verifica verso l’Epifania, ma i cattolici fanno benedire casa anche se si trasferiscono in una nuova abitazione (non si sa mai cosa possano averci invitato gli inquilini precedenti), o semplicemente perché ne sentono il bisogno in un momento di difficoltà personale o familiare.

Permettimi anche di dire che è buona norma fare un’offerta al sacerdote per il tempo che ti dedica e per coprire i costi del viaggio – io ho regalato una bottiglia di vino, un biglietto di ringraziamento con dentro un buono acquisto e un’altra volta ho semplicemente offerto una cena e una birra fresca. Qualunque cosa sarà apprezzata, è il gesto che conta.

Quanto a credere nei fantasmi, ovviamente i cattolici credono in cose “visibili e invisibili” – dove per invisibile si intende ciò che esiste nel mondo soprannaturale, come l’anima umana, la comunione dei santi in Paradiso, gli angeli e le entità demoniache.

Peter Kreeft, docente di Filosofia presso il Boston College, ha scritto che “i morti appaiono spesso ai vivi, e ci sono moltissime prove di ‘fantasmi’ in ogni cultura”. A suo avviso, non c’è “alcuna contraddizione” tra i fantasmi e la teologia cattolica. “I fantasmi confermano, più che confutare, la teologia cattolica dell’aldilà. Soprattutto l’esistenza stessa di una vita dopo la morte, che è il punto fondamentale attaccato dagli scettici”.

Lasciami sottolineare un aspetto molto importante – se pensi che a casa tua si verifichino cose strane, NON fare di testa tua cercando di comunicarci o di liberartene da solo. La tua inclinazione a cercare l’aiuto di un sacerdote è la cosa giusta. I sacerdoti hanno un’autorità di benedire ed esorcizzare che altre denominazioni non hanno. È per questo che in casi di questo genere la gente cerca istintivamente i sacerdoti cattolici. Sono felice che tu abbia seguito il tuo istinto e abbia cercato la Chiesa, e spero che vada tutto bene per te e la tua famiglia.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni