Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
lunedì 02 Agosto |
Sant'Eusebio di Vercelli
home iconSpiritualità
line break icon

Salire la Scala di Giacobbe con i gradini verticali di una cella di prigione

PD

Robert Kurland - pubblicato il 27/07/17

Un carcerato offre lezioni su come vivere seguendo la Regola di San Benedetto

L’“Opzione Benedetto” è stata discussa parecchio di recente, ma non è stata riservata molta attenzione a un suo aspetto fondamentale, la Regola di San Benedetto. La Regola, stabilita da San Benedetto nel VI secolo come base della vita monastica, dev’essere imparata e seguita dai monaci e dalle monache benedettini, nonché dagli oblati benedettini (benedettini laici), ed è una guida quotidiana per la vita.

Sono un oblato benedettino, e in quanto tale sono stato mentore dei novizi che vogliono diventare oblati, incluse due persone rinchiuse in prigione. Ho spesso scambi epistolari con i reclusi, rispondendo alle loro domande e ponendone a mia volta. Uno di questi carcerati ha invertito i ruoli, diventando per me un esempio di come si dovrebbe vivere in base alla Regola, qualunque siano le circostanze.




Leggi anche:
“Opzione Benedetto”, la nuova formula (made in USA) di un dilemma antico quanto il cristianesimo

L’umiltà è la virtù essenziale per seguire la Regola, una virtù che dà la forza di salire gradino dopo gradino sulla Scala di Giacobbe. E allora come fa il mio mentore – chiamiamolo John – a praticare questa virtù, e com’è incarnata nella Regola di San Benedetto? Risponderò prima alla seconda domanda.

Prima, però, serve un chiarimento. Ci sono molte discussioni su umiltà e Regola, nei libri e su Internet. Non cercherò di riassumerle, ma di dare la mia interpretazione. Non elencherò i 12 gradi di umiltà che usava San Benedetto per i gradini della sua scala, concentrandomi su quelli messi in pratica da John e che sto cercando di inserire nella mia vita quotidiana.

Alla base di tutto c’è l’ingiunzione di Gesù “Chi si esalterà, sarà umiliato e chi si umilierà sarà esaltato” (Matteo 23, 12).

È il riconoscimento del fatto che siamo creature di Dio, e che come Adamo siamo fatti per la terra. Qualsiasi talento e dono abbiamo viene quindi da Dio, non da noi. Riconoscere questo è il “timore del Signore” che rappresenta il primo gradino – non avere paura di Lui, ma provare reverenza per il Suo potere creatore.

Perché sia così dobbiamo compiere varie cose:
Praticare la sottomissione all’autorità
Essere pazienti nelle situazioni difficili
Fare un elenco dei propri vizi e delle proprie virtù
Essere felici di ciò che si ha, anche se non è quello che si desidererebbe.

In altre parole, dobbiamo abbandonare la nostra volontà e la nostra gratificazione – una sfida che dura una vita.

  • 1
  • 2
Tags:
benedettinicarceratiesempioprigioneregolaspiritualitàumiltà
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Gelsomino Del Guercio
Don Patriciello richiama Fedez che incita all’aborto: i pre...
2
NEWBORN, GIRL
Annalisa Teggi
Genova: neonata lasciata nella culla per la vita. Affidata, non a...
3
JENNIFER CHRISTIE
Jeff Christie
Mia moglie è rimasta incinta del suo stupratore – e io ho accolto...
4
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
5
Gelsomino Del Guercio
Ecco dove si trovano tombe e reliquie dei 12 apostoli (FOTO)
6
lacrimazioni statua madonna
Gelsomino Del Guercio
Madonna in lacrime, sangue, stigmate: dal 1989 accade a Giampilie...
7
VIRGIN
Gelsomino Del Guercio
Per la prima volta la Chiesa festeggia la Madonna del Silenzio
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni