Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Ragazzo muore in montagna. La mamma discute la tesi di laurea al posto suo

Luca Borgoni
Condividi

La testimonianza lieta e coraggiosa di Cristina Giordana

Luca Borgone, 22 anni, di Cuneo. Alpinista, sky runner, laureando in Biologia, fratello, figlio.

L’8 luglio 2017, intorno alle 11 e 30, precipita durante una competizione sul Cervino.

Doveva laurearsi di lì a pochi giorni. Aveva appena consegnato la tesi in Biologia. Muore con una cosa che era proprio da fare. E al suo posto, allora, anche se senza valore legale, l’ha fatta la sua mamma.

«Gli effetti del succo di barbabietola sulla prestazione sportiva di alta quota».

Questo il titolo. Solo l’amore di una mamma, che aveva fatto gli stessi studi del figlio  senza portarli a termine per due soli esami, poteva trovare entusiasmante un tema del genere. Che poi non è nemmeno così vero: basta addentrarsi nel discorso, scoprirne i moventi e lo scopo. E scorgere dietro di esso una grande passione, quella per la montagna e lo sport, a sua volta inerpicata su di un’altra passione ancora più rocciosa e forte. Quella per la vita e per il suo significato.

La mamma, che ha discusso con proprietà di linguaggio, contegno equilibrato, larghi sorrisi la tesi del figlio appena deceduto proprio in seguito ad un incidente ad alta quota, si dice stupita. È sorpresa per il fatto di avere sorpreso così tante persone.

Guardando la foto proiettata sullo schermo dell’aula punteggiato dello sguardo di centinaia di persone, Cristina racconta con una naturalezza che davvero colpisce, un dettaglio da innamorata: questo è ciò che ha visto Luca nel momento della morte.

Le parole che sceglie Cristina sono terse e nette, come l’azzurro del cielo contro il profilo del Cervino. Nessuna maledizione per la montagna assassina. Nessuna lacrima – in pubblico- da prefica romana. Certo, conterà anche il temperamento. Ci saranno momenti nei quali la mancanza di suo figlio si farà sentire con una forza più intensa della certezza della sua presenza. Ma Cristina pare una signora razionale e salda.

«È lì che Luca ha iniziato la sua nuova vita. Questa foto – ha detto Cristina Giordana – l’ho scattata nell’esatto momento della sua dipartita, quelle sono le nuvole che lui ha visto… L’abbiamo potuto ricostruire quando il suo orologio satellitare è stato ritrovato, con i minuti, la quota a cui era salito…». Si dice sicura che si stia divertendo. Che sia quello che sta meglio di tutti, ora.

Cosa c’è di più mutevole di un agglomerato di nuvole che corrono intorno ad una vetta? Eppure quelle, proprio quelle, in quella precisa disposizione reciproca, sono la scena che Luca ha visto prima di affacciarsi altrove.

(Chissà che questa immagine non fosse profetica, per lui. Ha aperto sorridendo le braccia almeno nei pressi di una Croce. E la Croce è la chiave del Paradiso, dobbiamo continuare a ricordarcelo.)

Non ha dubbi sua mamma. È certa che suo figlio viva. Mica può finire in niente un ragazzo così, il suo ragazzo!

Niente lacrime. La commozione, ha insegnato questa mamma profondamente credente a tutti i presenti, è poter raccontare «un figlio che ha vissuto 22 anni meravigliosi. Con mio figlio ho sempre condiviso tutte le passioni, dalla montagna a quella per lo studio, in un perfetto legame intellettuale. Essere qui era la cosa più naturale, giusta e normale da fare, sono stupita di tanta attenzione. Luca è qui con noi, non dobbiamo scandalizzarci di essere comunque felici».” (Maria Teresa Martinengo, da La Stampa, 21-07-2017)

Nel video che li riprende proprio il giorno della laurea simbolica e che segue la mamma, la sorella Giulia e il papà fino alle foto di rito – senza corona d’alloro, che Luca si era fatto promettere che nessuno avrebbe comprato – c’è un passaggio che mi ha profondamente colpito.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.