Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 25 Luglio |
San Giacomo il Maggiore
home iconStile di vita
line break icon

Come smettere di essere chi sei nella vita di coppia?

Santi Casanova - pubblicato il 24/07/17

Ieri sera abbiamo avuto la sessione di cineforum a casa. Le vacanze rappresentano lo scenario ideale, avendo più tempo per riposare e poter svolgere attività che nel resto dell’anno sono riservate al fine settimana. In televisione davano il film di Julia Roberts e Richard Gere Se cappi ti sposo, e ci siamo seduti tutti insieme per guardarlo.

Dietro l’apparenza di commedia romantica, il film mi ha dato la possibilità di parlare con i miei figli di un tema fondamentale per le loro future relazioni di coppia e per un futuro possibile matrimonio; un tema che, lungi dall’essere di finzione, è all’ordine del giorno in molte coppie che ho conosciuto e che conosco attualmente.

Maggie, la protagonista, fugge ogni volta che arriva all’altare. Lo ha fatto già tre volte con tre ragazzi diversi. Sulla sua vicenda indaga il giornalista interpretato da Richard Gere. Dietro le fughe della ragazza si nasconde una realtà della quale Maggie sarà consapevole solo alla fine: nessuno dei suoi pretendenti sapeva davvero chi era, perché lei si era “nascosta” e ogni volta si presentava come ciascun ragazzo sperava che fosse. Maggie dava a ogni pretendente ciò che voleva. Mangiava quello che piaceva a lui, aveva con ciascuno l’hobby dell’altro, viveva in funzione altrui.

È uno dei veleni più grandi della vita di coppia: smettere di essere chi si è per essere quello che desidera l’altro. Una cosa è vivere insieme, stare in comunione, “essere una cosa sola”, sforzarsi per rendere felice l’altro, e un’altra molto diversa è tradirsi, agire sulla base di bugie, interpretare un ruolo, sottomettersi. Non è sempre facile trovare il confine tra le due situazioni, e spesso l’equilibrio è una questione complessa, ma sbagliare a questo riguardo è una delle cause di rottura che ho riscontrato più spesso nelle coppie che conosco.

Il mio partner, mio marito, mia moglie… non dovrebbe mai condurmi lungo il tortuoso cammino della mia negazione, della mia perdizione come essere individuale, autonomo, libero, unico e irripetibile. Dovrebbe piuttosto verificarsi il contrario: in base all’amore condiviso, alla comunione profonda, devo arrivare ad essere più felice, ad essere più me stesso, ad essere un “io” migliore, a costruire meglio il “noi”. La sottomissione, anche se spesso è rivestita di altro, non è frutto dell’amore, né lo costruisce.

Per questo è tanto importante la maturità personale perché un rapporto di coppia vada a buon fine. Bisogna sapere chi siamo, quali sono i nostri doni, aver integrato la nostra storia, aver curato bene le nostre ferite principali… altrimenti la confusione è servita.

Un abbraccio fraterno – @scasanovam

Tags:
fedeltafidanzamentomatrimoniopersonalità
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Theresa Aleteia Noble
I consigli di 10 sacerdoti per una confessione migliore
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
4
Catholic Link
Una guida per l’esame di coscienza da ripassare prima di og...
5
Gelsomino Del Guercio
Cesare Cremonini indica al cardinale Zuppi “la strada per i...
6
José Miguel Carrera
La lettera di un giovane ex-protestante convertitosi al cattolice...
7
PILGRIMAGE,ROME
Giovanni Marcotullio
Lo stato della questione sulla Messa in “rito antico”
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni