Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!
Aleteia

Sono costretta in una situazione di peccato mortale, il prete può assolvermi ugualmente?

DONNA VIOLENZA SESSO
Shutterstock/Doidam 10
Condividi

Il caso limite della donna con figli costretta dal proprio compagno a rapporti sessuali. Vi spieghiamo perché

Un prete che amministra il sacramento della riconciliazione può talvolta assolvere un penitente a cui manchi il proposito di non commettere più un peccato materialmente grave?

A questa domanda replica Rocco Buttiglione, docente di filosofia e membro della Pontificia Accademia delle Scienze Sociali, in “Terapia dell’amore ferito in Amoris Laetitia” (edizioni Ares): «La risposta non può che essere negativa, perché per la validità della confessione il proposito è sempre necessario, anche se il penitente, pur in quel momento sinceramente pentito, prevede che difficilmente potrà mantenere il proposito, per sua debolezza o per impedimenti oggettivi».

TRE CONDIZIONI

In quest’ultimo caso il proposito di non commettere più peccati diventa, in prima istanza, impegno a rimuovere, nei modi e nei tempi opportuni, tale impedimento oggettivo. Perché esista un peccato mortale sono necessarie, come è noto, tre condizioni: materia grave, piena avvertenza e deliberato consenso.

È, dunque, possibile che una colpa grave non costituisca un peccato mortale per la mancanza o della piena avvertenza o del deliberato consenso.

LA PRETESA DI AVERE RAPPORTI SESSUALI

Mettiamo il caso, scrive Buttiglione, di una donna interamente dipendente psicologicamente ed economicamente da un uomo che non è suo marito ma è il padre dei suoi figli. 

Parliamo di una donna non sposata, che vive ancora insieme all’uomo perché si sente in dovere di accudire i propri figli e perché non ha un’autonomia economica. Ma di fatto non nutre alcun sentimento particolare nei confronti del padre dei suoi figli né ha intenzione di avviare con lui un progetto di vita duraturo. 

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni