Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
martedì 01 Dicembre |
Beato Charles de Foucauld
home iconArte e Viaggi
line break icon

Il nudo nell'arte sacra trasmette 4 tipi diversi di simbolismo

Michelangelo | PD

Philip Kosloski - pubblicato il 17/07/17

Via per apprezzare di più il “mistero personale” dell'umanità

La Cappella Sistina affascina ogni anno centinaia di migliaia di turisti, molti dei quali si sorprendono di trovare tanti corpi nudi raffigurati sulle sue pareti.

Molti dei personaggi rappresentati nella Cappella Sistina sono stati infatti dipinti senza indumenti, neanche una foglia a coprire le parti intime.

La Cappella Sistina non è ovviamente l’unica nella quale è rappresentata la nudità. Innumerevoli artisti nel corso dei secoli hanno popolato di uomini e donne senza veli le loro opere, che abbelliscono le chiese cattoliche di tutto il mondo.

Perché tanti artisti hanno usato il nudo nell’arte cristiana?

I corpi nudi hanno una lunga storia nell’arte sacra. Nel Rinascimento gli artisti usavano quattro tipi diversi di nudità per simboleggiare quattro stadi dell’umanità.




Leggi anche:
Quando l’arte ha riscattato l’Eucaristia: Caravaggio, Domenichino e Barocci

In primo luogo c’è la nuditas naturalis, che mostra lo stato naturale dell’umanità prima della Caduta, spesso rappresentata in scene collegate all’Eden o al Paradiso.

C’è poi la nuditas temporalis, che rappresenta la povertà, a volte volontaria, e il confidare dell’umanità in Dio per tutto ciò che riceviamo.

In terzo luogo c’è la nuditas virtualis, a simboleggiare purezza e innocenza. Le rappresentazioni della “penitente Maddalena”, ad esempio, la mostrano spesso nuda, coperta solo dai suoi capelli, come simbolo del ritorno dell’anima all’innocenza dopo il pentimento.

C’è infine la nuditas criminalis, che rappresenta l’orrore della lussuria e della vanità.

San Giovanni Paolo II ha spiegato nella sua Teologia del Corpo che “nel decorso delle varie epoche, cominciando dall’antichità – e soprattutto nella grande stagione dell’arte classica greca –, vi sono opere d’arte il cui tema è il corpo umano nella sua nudità… Queste opere portano in sé, quasi nascosto, un elemento di sublimazione, che conduce lo spettatore, attraverso il corpo, all’intero mistero personale dell’uomo. In contatto con tali opere (…) non ci sentiamo determinati dal loro contenuto verso il ‘guardare per desiderare’”.




Leggi anche:
La pornografia e il suo forte impatto sugli adolescenti

La rappresentazione della nudità è ovviamente del tutto diversa dall’uso del nudo nella pornografia.

San Giovanni Paolo II sottolineava come le produzioni pornografiche abbiano l’intenzione esplicita di suscitare lussuria, presentando il corpo umano come un oggetto da usare. Il porno non rispetta la dignità della persona umana, e l’atto sessuale viene sfruttato per la soddisfazione personale a scapito di un’altra persona.

La nudità nell’arte cristiana è invece volta a rivelare la bellezza dell’umanità e l’opera meravigliosa del Creatore. Ha un profondo simbolismo e non vuol essere un ostacolo, ma una via per raggiungere un maggiore apprezzamento del “mistero personale” dell’umanità.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
arte cristianaarte sacranudita
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Aleteia
Foto incredibili di santa Teresa di Lisieux s...
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
LOURDES
Il Cattolico
Novena preparatoria all'Immacolata Concezione...
ANGEL
Philip Kosloski
A cosa assomigliano i nostri angeli custodi?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni