Ricevi Aleteia tutti i giorni
Le notizie che non leggi altrove le trovi qui: inscriviti alla newsletter di Aleteia!
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Cos’è un oblato?

Condividi

Nel Medioevo il termine indicava i bambini consegnati o offerti dai genitori a un ordine religioso, ma oggi ha un significato diverso

Il termine oblato deriva dal latino oblatio, che significa offerta. Etimologicamente parlando, quindi, un oblato è una persona che si dà, che si dona, si offre a Dio. Ma cosa vuol dire offerta?

Fin dall’antichità, questo termine si intende nella sua connotazione originale in ambito religioso e allude a qualcosa che si dà alla divinità. Ogni offerta (portata a perfezione nella forma del sacrificio) ha la caratteristica di essere, umanamente parlando, un dono percepibile dai sensi, un’espressione esterna e concreta di rapporto con la divinità.

Perché un’offerta (ad esempio nell’Antico Testamento e in alcune delle civiltà antiche) sia elevata alla categoria di sacrificio si richiede che l’offerta stessa (persone, animali o cose) sperimenti una drastica trasformazione.

Ciò vuol dire che un’offerta non diventa sacrificio fino a quando non subisce una modifica, ad esempio effondendo il proprio sangue, venendo uccisa o bruciata.

È il caso del popolo di Israele, che offriva a Dio sacrifici di agnelli e altri animali in segno di riconoscimento della sua divinità e a mo’ di espiazione.

Nell’antica legge le offerte a Dio sotto forma di sacrificio, pur se in sé imperfette, avevano la loro importanza e necessità in quanto erano una prefigurazione del sacrificio di Gesù sull’altare della croce, vera e sublime offerta, vero e sublime sacrificio.

Per questo l’autore della Lettera agli Ebrei dice: “È impossibile infatti che il sangue di tori e di capri elimini i peccati. Per questo, entrando nel mondo, Cristo dice: ‘Tu non hai voluto né sacrificio né offerta, un corpo invece mi hai preparato. Non hai gradito né olocausti né sacrifici per il peccato. Allora ho detto: ‘Ecco, io vengo – poiché di me sta scritto nel rotolo del libro – per fare, o Dio, la tua volontà”” (Eb 10,4-7).

Nella nuova ed eterna alleanza, Dio, facendosi uomo, ha assunto un corpo mortale. Come uomo ha potuto soffrire e come Dio ha potuto offrire le sue sofferenze e il sacrificio della sua morte sulla croce, con il suo implicito valore infinito, per soddisfare o pagare generosamente ogni debito acquisito dal peccato dell’essere umano.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.