Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 28 Gennaio |
San Tommaso d'Aquino
Aleteia logo
For Her
separateurCreated with Sketch.

Top model ad Aleteia: “I bambini con la sindrome di Down sono pura tenerezza”

web3-kids-fashion-week-fimi-nv-villalobos-nieves-alvarez-6-c2a9nieves-alvarez-cedido-con-permiso-a-aleteia

Per gentile concessione di ©Nieves Alvarez ad Aleteia

Sofía Gonzalo - pubblicato il 14/07/17

Una modella spagnola organizza sfilate di moda infantile alle quali partecipano anche bimbi Down

Nieves Álvarez è considerata una delle donne più belle del mondo, con una carriera di successo come top model internazionale. C’è qualcosa, però, che apporta ancor più valore all’immagine che si può avere di lei, ed è il suo modo di guardare gli altri, nella fattispecie i bambini con la sindrome di Down.

Da qualche anno, infatti, li inserisce nelle sfilate che organizza per la firma della moda infantile N+V (Nieves Álvarez + Villalobos). In alcune dichiarazioni esclusive rilasciate ad Aleteia ha spiegato che “sono bambini con capacità diverse ma che hanno tutto il diritto, come gli altri, di salire su una passerella. E lo fanno bene come gli altri. Hanno una capacità di concentrazione enorme, lo fanno con grande gioia e al meglio. Sono così felici quando sfilano… Guardandoli mi vengono le lacrime agli occhi. Sono uguali a tutti gli altri bimbi che partecipano a una sfilata”.

kids-fashion-week-fimi-nv-villalobos-nieves-alvarez-4-c2a9nieves-alvarez-cedido-con-permiso-a-aleteia
Per gentile concessione di ©Nieves Alvarez ad Aleteia

Le abbiamo chiesto cosa le apporti ciascuno di loro, e ha risposto con un grande sorriso: “Ti danno tanto affetto! Hanno anche una grande allegria e sono estremamente affettuosi… sono adorabili! Sono pura tenerezza, sorrisi, verità. Ti danno quella spontaneità che è la verità dei bambini”.




Leggi anche:
Tre ragazzi con sindrome di Down trovano nel nuoto la propria realizzazione

Alla sfilata di N+V dell’ultima edizione della Fiera Internazionale della Moda Infantile (FIMI), svoltasi di recente a Madrid, tra le piccole modelle c’era anche Sofía Zapata, una mini-top model di esperienza con la sindrome di Down. Quando abbiamo chiesto a Nieves Álvarez di lei, l’ha descritta come il suo “tesoro”. Sofía “vedendosi lì, tra quelle bambine, a sfilare sente di essere una di loro e ne è felicissima”.

kids-fashion-week-fimi-nv-villalobos-nieves-alvarez-3-c2a9nieves-alvarez-cedido-con-permiso-a-aleteia
Per genitle concessione di ©Nieves Alvarez ad Aleteia

La lunga esperienza nel mondo della moda ad alto livello ha fatto sì che Nieves Álvarez abbia chiaro cos’è davvero importante quando si parla di bellezza. La cosa fondamentale è amarci, apprezzarci e accettarci come siamo. “Ciascuno di noi ha una bellezza, siamo unici, e non possiamo pretendere di assomigliare a nessuno. Tutti abbiamo qualcosa di bello e di buono da sfruttare. Bisogna volersi bene, ed è allora che risultiamo belli, perché siamo autentici. Dobbiamo guardarci allo specchio e dire: ‘Sono stupenda, con le cose buone e quelle cattive’. Tutti noi abbiamo qualcosa di speciale”.

Nieves Álvarez è madre di tre figli e punta sull’integrazione dei bambini con la sindrome di Down in tutti gli ambiti. “Nella scuola in cui studiano i miei figli c’è una bambina, Cristina, che ha un ritmo più lento rispetto al resto della classe ma è inserita come tutti”, ha raccontato, realmente convinta che “si debba dare un’opportunità a tutti coloro che hanno capacità diverse perché riceviamo tanto in cambio… Ci insegnano molto più di quello che noi possiamo insegnare loro”.




Leggi anche:
Proprio come tutti gli altri: i normalissimi bisogni della persona down

Uno sguardo di integrazione verso i bambini diversamente abili

Sarebbe un errore pensare che solo le persone con una proiezione pubblica possano contribuire a integrare i bambini diversamente abili. In classe, nei giochi, nello sport… tutti dovremmo avere uno sguardo di integrazione nei confronti dei bambini che hanno capacità diverse da quelle abituali.

kids-fashion-week-fimi-nv-villalobos-nieves-alvarez-5-c2a9nieves-alvarez-cedido-con-permiso-a-aleteia
Per gentile concessione si ©Nieves Alvarez ad Aleteia

David Escribano è allenatore nazionale di taekwondo in Spagna. Lavora al coordinamento di eventi sportivi, ludici e di tempo libero, e rende possibile questa integrazione in modo naturale. I bambini non vedenti o malati non solo partecipano alle sue lezioni, ma ricevono anche delle responsabilità.

“Ad esempio, ora ho una bambina che ha una vista del 10% e le faccio capire che è un’autentica campionessa, e so che questo la aiuta ad aumentare la sua autostima. Faccio capire a lei e al resto degli allievi che quello che fa lei è molto più difficile che se io riuscissi a vincere una medaglia olimpica”.




Leggi anche:
“Le persone affette da sindrome di Down danno alla società molto più di quello che ricevono”

Il campione internazionale di taekwondo afferma che “questi bambini sono i veri campioni, e non è una frase fatta. È reale. Sono degli esempi, ma non lo sanno perché sono sempre stati tenuti al margine della società perché vengono visti in un altro modo. Per questo bisogna cambiare”.

David Escribano parla con i bambini che hanno qualche disabilità perché vincano la paura di essere come gli altri.

Se una top model o un maestro di taekwondo può integrare i bambini diversamente abili, ciascuno di noi può farlo negli ambiti che gli spettano. La normalizzazione non dovrebbe essere un sogno, ma una realtà a portata di mano.

web-kids-fashion-week-fimi-nv-villalobos-nieves-alvarez-1-c2a9nieves-alvarez-cedido-con-permiso-a-aleteia
Per gentile concessione di ©Nieves Alvarez ad Aleteia

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
modasindrome di down
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni