Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
domenica 29 Novembre |
San Francesco Antonio Fasani
home iconChiesa
line break icon

La lettera del vescovo che invita al discernimento sul caso del capo scout gay

André Jörg / Scouterna-CC

Lucandrea Massaro - Aleteia Italia - pubblicato il 12/07/17

Monsignor Carlo Maria Redaelli scrive alla comunità invitandoli a capire se in questa situazione esiste una grazia

La vicenda aveva lasciato tutti un po’ delusi e amareggiati, parliamo della notizia di circa un mese fa a proposito di quell’educatore scout che – unitosi civilmente col compagno gay – aveva suscitato perplessità e scandalo nella propria parrocchia, al punto che il parroco – don Francesco Fragiacomo – lo aveva sollevato dal suo incarico. Ora ad un mese di distanza, quando la polvere si è posata e gli animi sono meno esacerbati, arriva un messaggio dell’Arcivescovo di Gorizia monsignor Carlo Maria Redaelli, ha scritto una lettera pastorale sulla vicenda invitando a capire quale bene possa essere nascosto in questa vicenda e come la comunità ecclesiale possa accogliere o meno questa situazione inedita, invitando alla riflessione e alla decisione le stesse realtà ecclesiali operanti in ambito educativo che, lungo questo percorso di discernimento sicuramente non facile, devono «giungere ad alcune indicazioni condivise e sagge».


COPPIA MATRIMONIO GAY

Leggi anche:
Il capo scout si “sposa” col compagno e il parroco dice “non può essere educatore”

Avvenire ne ha tratto ampia sintesi.

Discernere, come facevano gli Apostoli

Prendendo spunto dagli Atti degli Apostoli, e in particolare dalla descrizione del Concilio di Gerusalemme (At15) – in cui ci si trovò a decidere come organizzare la convivenza tra i cristiani provenienti dal giudaismo e quelli convertiti dal paganesimo – Monsignor Redaelli propone di seguire la medesima indicazione. Ascoltare lo Spirito, senza pretendere di trovare ricette preconfezionate nelle Scritture o nella tradizione canonica. Il suggerimento parte da un testo postumo del Cardinal Martini (Cristiani coraggiosi. Laici testimoni nel tempo di oggi, Milano 2017) che Redaelli definisce «un grande maestro del discernimento». Dall’Arcivescovo di Milano, Redaelli fu ordinato sacerdote.

No a facili riduttivismi

«non indulgere a facili giudizi e non sostituirsi alla responsabilità di ciascuno». Sarebbe facile concludere che il discernimento è quasi un mezzo per rendere accettabile ogni scelta e azzerare ogni istanza etica. Invece è proprio vero il contrario. Nella lettera del Vescovo, l’elenco degli aspetti di grazia, che spiegano che anche per quanto riguarda l’amore, «i diversi modi di sentire diffusi oggi, pur avendo aspetti di verità, sono spesso riduttivi ». E quindi non bisogna temere di definire “riduttivo” il luogo comune secondo cui «ciò che conta è che due persone si amino, a prescindere da chi sono, dagli impegni che hanno assunto, dalla responsabilità verso altri e anche dalla qualità del loro amore». Altrettanto riduttiva è la moderna concezione della libertà «come il fare quello che l’individuo ritiene a prescindere non solo dal confronto con ciò che è giusto e ciò che non lo è, ma anche dalla relazione con le persone e dalla responsabilità verso di esse e verso la comunità».

No a ricette astratte

L’Esortazione postsinodale sulla famiglia viene richiamata esplicitamente nella lettera pastorale per ricordare, spiega Redaelli, che «chi si aspetta o pretende sempre e comunque princìpi chiari, astratti e immodificabili… non può che restare deluso». Criterio di umiltà e di realismo tanto più valido quando non ci si confronta non princìpi astratti, ma con l’intimità dei sentimenti delle persone. Proprio l’opportunità del confronto è il primo degli aspetti di grazia indicato dal vescovo di Gorizia. Come grazia «è la progressiva maturazione della convinzione che il discernimento stia diventando sempre più la cifra fondamentale dell’agire pastorale». Ma anche «l’attenzione rispettosa, partecipe e talvolta sofferta ai cammini personali di ciascuno».




Leggi anche:
Il parroco spiega perchè il capo scout gay non può fare l’educatore

Tags:
discernimentoomosessualitàscout
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
MEDALLA MILAGROSA
Corazones.org
Pregate oggi la Madonna della Medaglia Miraco...
FIRST CENTURY HOUSE AT THE SISTERS OF NAZARETH SITE
John Burger
Archeologo britannico pensa di aver trovato l...
Giovanni Marcotullio
“Kyrie eleison” e non “Signore, pietà”
Jesús V. Picón
Sacerdote con un cancro terminale: perde gli ...
CHRISTMAS MASS
Gelsomino Del Guercio
Messa di Natale anticipata: dopo il governo, ...
Pape François audience
Gelsomino Del Guercio
"Benedizione Urbi et Orbi del Papa". Attenti,...
Amy Brooks
5 ragioni per cui indosso la Medaglia Miracol...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni