Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Le lettere spirituali e fraterne tra il Card. Biffi e una carmelitana scalza

CPP/CIRIC
Condividi

.
GIOVANNI PAOLO II

«La settimana scorsa abbiamo presentato a Roma l’Opera di S. Ambrogio (è uscito da pochi giorni il quarto volume, che è l’Esamerone) e siamo stati anche ricevuti in udienza privata dal papa. È davvero un uomo magnifico: riesce a incantare anche me, con l’affabilità, la bontà, la scioltezza dalle forme, con le splendide risonanze di una bellissima voce, con l’intelligenza degli occhi; insomma con ogni sorta di affascinante apparenza, sotto la quale senti però una forza d’animo inconsueta e un grande vigore intellettuale. Abbiamo davvero trovato un capo: speriamo che il Signore ce le conservi a lungo».

IL CONCLAVE CHE ELEGGERÀ JOSEPH RATZINGER

«Il conclave è stato un’esperienza straordinaria di fraternità, di concordia, di preghiera, d’ispirazione dall’alto: un’esperienza che mi ha segnato e commosso. Ho visto al ritorno le ipotesi e le supposizioni dei giornali: sono tutte lontanissime da quello che in realtà stava accadendo. È ovvio, del resto: la Chiesa, nata a Pentecoste, è opera permanente dello Spirito e l’uomo psychikòs (cioè l’uomo lasciato alle sole sue forze) non comprende le cose dello Spirito di Dio (1Cor 2,14). Un messaggio però dovrebbe essere stato chiaro per tutti. Scegliendo, in sole ventiquattro ore, colui che nell’immaginario collettivo era naturalmente associato alla “fede” e alla sua salvaguardia, il collegio cardinalizio ha detto che, tra i molti e gravi problemi, quello della fede autentica e piena è il primo e il più inderogabile. Al cardinal Ratzinger mi associava da sempre una grande consonanza umana e spirituale, e conoscevo bene la finezza del suo animo e la sua connaturata gentilezza, oltre che il suo amore libero e forte al Signore Gesù e alla Chiesa. Puoi immaginare perciò la mia consolazione e la mia gioia di questi giorni».

Ma la vera gioia è Gesù Cristo:

«[…] quando uno è convinto che Dio esiste e che Gesù Cristo è risorto nel profondo del suo essere non può non essere allegro».

ACQUISTA QUI IL VOLUME

Pagine: 1 2 3

Tags:
lettere
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni