Aleteia logoAleteia logoAleteia
sabato 28 Gennaio |
Sant'Angela Merici
Aleteia logo
Chiesa
separateurCreated with Sketch.

Perché monaci e suore si vestono di colori diversi?

web3-religious-sisters-nuns-sisters-of-st-francis-of-perpetual-adoration-one-rose-imagine-sisters-facebook

Facebook

Philip Kosloski - pubblicato il 11/07/17

La storia e il significato dietro i tanti colori della vita religiosa

Esiste uno stereotipo, spesso perpetuato dagli show televisivi e dai film, in base al quale le suore indossano sempre abiti neri e i monaci sai marroni. Quando si assiste agli eventi ecclesiali più affollati, però, si nota subito che non è così.

La varietà delle congregazioni religiose è enorme, ed è facile confondersi quando si cerca di decifrare a quale ordine religioso appartenga un monaco o una suora in particolare, e quindi vorremmo offrire una sorta di guida molto basica di quattro dei principali Ordini religiosi.

La maggior parte delle comunità religiose i cui membri indossano un abito ricade in una di queste categorie o è almeno lontanamente collegata a una di loro. Ovviamente ne esistono molte di più, ma cercare di spiegare gli abiti religiosi delle migliaia di congregazioni di tutto il mondo sarebbe quasi impossibile.

Benedettini

benedictinedifferences
Andreas Arnold | DPA | AFP/St. Walburga Abbey, CO
Sr. Andrea Staderman, OSB/Abbess Maria-Michael Newe, OSB

Istituiti nel VI secolo da San Benedetto da Norcia, i Benedettini si vedono in genere con abiti neri che consistono in una tunica, uno scapolare lungo fino a terra e una cintura di pelle. I monaci hanno dei cappucci, le religiose il velo, ed è spesso negli indumenti che coprono il capo che le comunità religiose si differenziano le une dalle altre.

Un altro elemento distintivo dell’abito benedettino è l’assenza di un rosario ad esso attaccato. I Benedettini non hanno mai indossato il rosario come altre comunità religiose, soprattutto perché quelli tradizionali si occupano di agricoltura e lavori di costruzione, e il rosario pendente sarebbe poco pratico. I Benedettini che hanno fatto la professione completa indossano un cappuccio nero (cocolla) sull’abito per la preghiera liturgica e le occasioni comunitarie importanti.

Tra i Benedettini famosi figurano Beda il Venerabile, Santa Ildegarda di Bingen, Santa Scolastica, Papa San Gregorio Magno e Santa Gertrude la Grande. Tra i laici benedettini troviamo il re Sant’Enrico II, la Serva di Dio Dorothy Day e gli scrittori Rumer Godden, Flannery O’ Connor e Walker Percy.

Carmelitani

hr_wvxbxl36cmge0sfgndy5pveavosexsv9hvaan6ccr0kk79kok-z1ipjtxogwuaakynw5gx8l25hyvnq8fe-3utorl
catolicrelics.co.uk

Fondati nel XII secolo, i Carmelitani sono un ordine monastico che risale a un gruppo di eremiti che vivevano sul Monte Carmelo, fuori Gerusalemme. Il loro abito è marrone e ha lo scapolare, un lungo rettangolo di stoffa che pende sia sul petto che sulla schiena e che venne dato loro dalla Beata Vergine Maria attraverso una visione a San Simone Stock. Oltre allo scapolare marrone, l’abito carmelitano si identifica anche per una cappa di colore più chiaro indossata durante la liturgia.

Un Carmelitano indossa una cintura di pelle e in genere un grande rosario attaccato ad essa. I Carmelitani monastici indossano la croce della professione appuntata sotto lo scapolare. I Carmelitani scalzi seguono l’esempio di Santa Teresa d’Avila. Ci sono anche comunità carmelitane apostoliche come le Suore Carmelitane del Sacro Cuore di Gesù di Los Angeles e le Suore Carmelitane del Cuore Divino di Gesù.

Santa Teresa di Lisieux, Santa Elisabetta della Trinità, Santa Edith Stein e San Giovanni della Croce sono alcuni dei più noti santi carmelitani. Tra i laici carmelitani ci sono il Presidente irlandese Éamon de Valera e Ferdinando e Isabella di Castiglia.

Francescani

web2-photo-of-the-day-cfr-adoration-jeffrey-bruno-aleteia
Jeffrey Bruno / Aleteia

Istituita nel XIII secolo da San Francesco d’Assisi, la famiglia francescana è molto ampia e ha numerose comunità religiose, monastiche e apostoliche, che si ispirano a Francesco. L’abito francescano è in genere molto semplice e ha alcuni elementi comuni. Consiste in una tunica (a volte con uno scapolare) e può essere marrone, nera, grigia o di qualsiasi altro colore. La maggior parte delle volte, l’abito francescano è stretto da una corda con tre (o quattro) nodi, a simboleggiare i voti di povertà, castità e obbedienza, con il quarto nodo che si riferisce a un voto mariano “extra”. Spesso la corda ha un grande rosario collegato. La corda è probabilmente l’elemento più tipico di un abito francescano. I Cappuccini sono Francescani, e sia l’arcivescovo Charles Chaput che il cardinale Sean O’Malley sono Cappuccini. I Frati Francescani del Rinnovamento sono una comunità relativamente nuova.

Tra i santi francescani famosi figurano Santa Chiara d’Assisi, San Bonaventura e Sant’Antonio. Madre Angelica di EWTN ha fondato il suo monastero di Clarisse Povere (suore francescane). Tra i Francescani del Terz’Ordine figurano Dante Alighieri, Santa Elisabetta d’Ungheria, il beato Federico Ozanam (fondatore dlela Società di San Vincenzo de’ Paoli) e Louis Pasteur.

Domenicani

dominican-house-of-studies_saint-joseph-province_cc
Provincia di St. Joseph

Fondati da San Domenico più o meno nello stesso periodo dei Francescani, i Domenicani sono in genere i più semplici da individuare. Indossano un abito bianco con uno scapolare dello stesso colore con un cappuccio (e un velo nero per le suore). Come nel caso dei Benedettini, l’abito domenicano si distingue tra maschio e femmina solo per il cappuccio o il velo. In varie occasioni indossano una cappa nera sopra l’abito.

Indossano anche una cintura di pelle con un grande rosario attaccato. Ci sono altri Ordini religiosi con un abito bianco, ma il rosario aiuta a identificare un Domenicano, insieme al libro che porta in genere con sé.

Tra i santi domenicani famosi ci sono San Tommaso d’Aquino, Papa San Pio V e San Giacinto. I laici domenicani includono Santa Caterina da Siena, Santa Rosa da Lima, San Martín de Porres e il beato Pier Giorgio Frassati.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
monaciordini religiosisuore
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

IT_3.gif
Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Affida le tue intenzioni di preghiera alla nostra rete di monasteri


Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni