Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Come insegnare ai vostri figli l’autocontrollo

Shutterstock
Condividi

È uno degli aspetti più importanti da coltivare in un bambino. Ecco gli strumenti di cui avete bisogno come genitori

Comunicare: Insegnate loro che non possono essere ascoltati immediatamente in ogni momento e in ogni situazione. A volte possono dover aspettare, soprattutto se gli adulti stanno parlando. Anche costringerli ad essere pazienti per qualche secondo prima di ottenere una risposta può insegnare loro a capire che ci sono confini appropriati. Educateli ad essere gentili nel salutare e nel rispondere. Può significare che debbano rimandare una loro necessità per salutare. Bisogna anche insegnare ad aspettare il proprio turno quando gli altri stanno parlando.

Fare dei collegamenti: È fondamentale per imparare – comprendere somiglianze e differenze e ordinare queste cose in categorie. Ciò non si verifica a meno che i bambini non imparino a gestire frustrazione ed errori. Insegnate loro a perseverare nei problemi difficili, a gestire bene la delusione e a non evitare subito le cose solo perché sono difficili o noiose. Ricompensateli per aver lavorato sodo indipendentemente dai risultati. Aiutateli a capire quanto sia bello perseverare in una sfida.

Pensiero critico: La chiave è insegnare ai vostri figli ad essere pazienti con i compiti assegnati. Non ci dev’essere frustrazione quando si prova e si sbaglia. Bisogna insegnare ai bambini a fermarsi e a fare un respiro profondo per un paio di secondi prima di riprovare. I genitori possono insegnare la pazienza nel pensiero critico. Porre una serie di domande può aiutare i bambini a rispondere anziché a gettare subito la spugna.

Assumere le sfide: I genitori possono rafforzare questo atteggiamento riconoscendo che qualcosa può essere difficile. Insegnate ai bambini a prendersi qualche secondo per pensare al passo successivo. Quando qualcosa non riesce al primo tentativo, si può comunque mostrare emozione per un buon tentativo. I bambini non dovrebbero essere rimossi subito da sfide ragionevoli solo perché sono difficili.

Apprendimento impegnato: Offrite giochi e opportunità semplici che incoraggino i bambini ad essere creativi. Si può provare con la pasta modellabile, il Lego e altri giochi di costruzione. Allestite zone esterne con veschette con la sabbia e spazi in giardino per stimolare la curiosità dei bambini. Ricompensate i loro tentativi di imparare cose nuove. Imparate a lasciarli regolarmente soli con altri bambini perché compiano le proprie esplorazioni.

[Traduzione dall’inglese a cura di Roberta Sciamplicotti]

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni