Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

“O l’Europa diventa federale o non conterà più nulla”

Giulio Napolitano - Shutterstock
Condividi

Il Papa a colloquio con Eugenio Scalfari

“Temo che ci siano alleanze assai pericolose tra potenze che hanno una visione distorta del mondo: America e Russia, Cina e Corea del Nord, Putin e Assad nella guerra di Siria”. Ad esprimere preoccupazione per il vertice del G20 è Papa Francesco, intervistato da Eugenio Scalfari per ‘Repubblica’, oggi in edicola. “Il pericolo riguarda l’immigrazione, specifica il Pontefice.

Noi abbiamo come problema principale e purtroppo crescente nel mondo d’oggi quello dei poveri, dei deboli, degli esclusi, dei quali gli emigranti fanno parte. D’altra parte ci sono Paesi dove la maggioranza dei poveri non proviene dalle correnti migratorie ma dalle calamità sociali; altri invece hanno pochi poveri locali ma temono l’invasione dei migranti. Ecco perché il G20 mi preoccupa.

Leggi anche: Il discorso di papa Francesco sull’Europa che avevamo bisogno di ascoltare

Colpisce soprattutto gli immigrati di Paesi di mezzo mondo e li colpisce ancora più col passare del tempo”. Papa Francesco ricorda il colonialismo, che ha avuto aspetti positivi e aspetti negativi: “Comunque l’Europa diventò più ricca, la più ricca del mondo intero. Questo sarà dunque l’obiettivo principale dei popoli migratori”. Un’ Europa che, secondo Bergoglio, deve assumere al più presto una struttura federale: “O diventa una comunità federale oppure con conterà più nulla nel mondo”.

Francesco, nell’intervista, inverte i ruoli e chiede a Scalfari: “Vorrei chiederle, quali sono i pregi e i difetti dei giornalisiti?”. Scalfari sorvola sui pregi e si concentra sui difetti: “Raccontare un fatto non sapendo fino a qualche punto sia vero oppure no; calunniare; interpretare la verità facendo valere le proprie idee. E addirittura fare proprie le idee di una persona più saggia e esperta attribuendole a se stesso”. “Questo è certamente un difetto grave“, replica Francesco. ”

 

QUI L’ORIGINALE

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni