Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 14 Aprile |
Beato Rolando Rivi
home iconNews
line break icon

Fare sesso con i robot? Ecco quali sono i rischi

ROBOT WOMAN

Willyam Bradberry/Shutterstock

Gelsomino Del Guercio - Aleteia Italia - pubblicato il 06/07/17

Pedofilia, anziani, etica. Gli allarmi lanciati da una autorevole fondazione che si occupa di robotica

La marcia dei “sex robot” è già cominciata ed entro pochi anni potrebbe diventare un’invasione, ma il mondo non è preparato ad affrontarla. E’ questo l’allarme lanciato dalla Foundation for Responsible Robotics (Frr), una fondazione internazionale che analizza i problemi etici e morali legati alla presenza sempre più diffusa di macchine intelligenti tra gli esseri umani (La Repubblica, 5 luglio).

Almeno quattro aziende producono già dei robot (tra cui Android Love Doll, Sex Bot, True Companion), in tutto simili a uomini e donne, anatomia sessuale inclusa e pelle in silicone.

DA 5 MILA DOLLARI

Alcune di queste società stanno al momento valutando l’introduzione di modelli capaci di parlare e di muoversi, e un’eventuale adozione di massa dei nuovi prodotti potrebbe forse portare all’abbattimento di costi che al momento vanno dai 5.000 ai 15.000 dollari per esemplare (punto-informatico.it, 5 giugno).

VANTAGGI E SVANTAGGI

Questa nuova rivoluzione tecnologica potrà portare sia vantaggi che svataggi, afferma un rapporto della fondazione pubblicato dal Daily Telegraph di Londra (5 luglio).

Nello studio dal nome (più che) autoesplicativo “Il nostro futuro sessuale con i robot“, il professore di intelligenza artificiale e robotica alla Sheffield University Noel Sharkey e colleghi provano ad affrontare argomenti che al momento sono considerati a dir poco scabrosi.

SCOPI POSITIVI

La previsione della Foundation for Responsible Robotics è che nel giro di un decennio questi strumenti di piacere meccanico non saranno più considerati una forma di feticismo sessuale ma verranno accettati su larga scala. Con questi possibili scopi:

1) offrendo compagnia e terapia sessuale a persone anziane, sole e disabili; 2) consentendo a una coppia separata geograficamente di continuare ad avere rapporti sessuali con l’aiuto di un robot che replichi a distanza le prestazioni dell’uno e dell’altro. 3) sarebbe perfino possibile, affermano alcuni scienziati, far parlare il robot con la voce dell’uno o dell’altro partner per rendere l’esperienza più verosimile; 4) un sex robot potrebbe funzionare anche da prostituta nelle case d’appuntamento; 5) agire da aiuto fondamentale per la riabilitazione sessuale di vittime di abusi o traumi; 6) agire da terapia per chi è affetto da pulsioni socialmente inaccettabili come fantasie di violenza sessuale su adulti e bambini.

MALATI DI ALZHEIMER

Ma i limiti di queste macchine artificiali sono molteplici. Secondo Sharkey, sul fronte anziani, «se una persona soffre di Alzheimer, potrebbe non essere in grado di distinguere fra un robot e un essere umano. Come società abbiamo bisogno di valutare questioni di questo genere, considerando la possibilità di regolamentare un settore nuovo e in rapido sviluppo».

SCOLARETTE E PEDOFILI

Alcune compagnie del settore stanno creando robot sessuali con una personalità “timida” o “riluttante”, in modo che coloro che li acquistano possano pensare di costringere i robot a fare sesso. “Roxxxy Gold”, nome di una “sex robot” fabbricata dalla TrueCompanion, può essere trasformata nel personaggio di “Frigid Farah“.

E l’azienda giapponese Trottla ha iniziato a produrre bambole-robot a grandezza naturale in uniforme da scolarette rivolgendosi specificatamente a un pubblico di pedofili. Lo stesso fondatore della Trottla, Shin Tagaki, ha confessato di essere un pedofilo, dichiarando però di non avere mai abusato di ragazzine perché usa al loro posto delle bambole robot.

“NON E’ UN ANTIDOTO”

Qualche esperto ritiene che un sistema simile servirebbe a prevenire stupri ed abusi di donne o minori, ma il rapporto della Frr ammonisce che al contrario potrebbe aumentare la pedofilia e le violenze sessuali.

«Affrontare la pedofilia con i robot del sesso è un’idea dubbia e rivoltante», commenta il professor Patrick Lin, docente di etica robotica al California Polytechnic. «Proviamo a immaginare cosa succederebbe se il razzismo venisse affrontato permettendo a bianchi di maltrattare, discriminare o picchiare un robot nero. Funzionerebbe come antidoto al razzismo? Probabilmente no».

RISCHI ETICI

«I robot del sesso sono un interessante caso di studio se si vuole affrontare una delle questioni principali della robotica – sottolinea la dottoressa Aimee van Wynsberghe, docente di etica e tecnologia all’Università di Delft e condirettrice della FRR – Che genere di conseguenze ha sul fruitore umano l’interazione con questi compagni robotici? Questa idea di perdita di abilità morali significherà che non vorremmo più interagire con gli umani perché è più facile parlare o ricevere gratificazione sessuale da un robot?» (www.tpi.it, 5 luglio).

RELAZIONI PERSONALI SEMPRE PIU’ STRANE

Una risposta a questi dubbi etici già c’è stata con il caso della ragazza francese, Lilly, di “sposare” (le virgolette sono d’obbligo) il robot che lei stessa si è costruita e a cui ha attribuito il nome di InMoovator. E’ una forma di asessualità? «Non siamo medici e non ci azzardiamo a dire nulla, ma che qualche cosa di storto nella costruzione delle nostre personalità e delle nostre relazioni sia sempre più manifesto sembra quasi una banalità orma(Aleteia, 13 aprile 2017).




Leggi anche:
Amare un oggetto è pur sempre amore?

Tags:
robotsesso
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
CHIARA AMIRANTE
Gelsomino Del Guercio
Chiara Amirante inedita: la cardiopatia, l’omicidio scampat...
2
WIND COUPLE
Catholic Link
7 qualità per scegliere il partner secondo la Bibbia
3
Divina Misericórdia
Gelsomino Del Guercio
Il Papa celebra domenica la Divina Misericordia. Ma perchè questa...
4
Archbishop Georg Gänswein
i.Media per Aleteia
Mons. Gänswein: si pensava che Benedetto XVI sarebbe vissuto solo...
5
AUGUSTINE;
Aleteia Brasil
8 grandi santi che soffrivano di depressione ma non si sono mai a...
6
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una causa impossibile
7
Padre Gilvan Manuel da Silva perde pais e irmãos para covid-19
Ancoradouro
Sacerdote perde genitori e fratelli per il Covid-19 e afferma: “S...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni