Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Come insegnare ai nostri figli a sopravvivere alla cultura del “Mi piace”?

Condividi

Bisogna insegnare loro a riconoscere la differenza tra un fenomeno sociale e la loro dignità come persone

I progressi tecnologici e la proliferazione delle reti sociali hanno cambiato il nostro modo di stare nel mondo. L’introduzione in tenera età dei mezzi tecnologici ha fatto sì che i nostri figli abbiano modi diversi di socializzare che spesso sono poco compresi dai genitori.

I messaggi di testo e i video hanno sostituito le telefonate e le visite personali, e i giovani hanno grazie al loro telefono cellulare la capacità di interagire con migliaia o milioni di persone in tutto il mondo.

Si parla molto delle precauzioni che i nostri figli devono avere nei confronti di questa interazione sociale e dei pericoli che affrontano relazionandosi con gli sconosciuti, ma c’è un tema di cui come genitori dobbiamo tener conto, ed è quello della cultura del “Mi piace”. Al giorno d’oggi i giovani hanno un modo di misurare la loro azione nei confronti degli altri e di sapere quale sia l’impatto delle cose che pubblicano, a livello di foto e video: i “Mi piace”.

La socializzazione dei nostri figli si vede superata dall’ossessione di ottenere “Mi piace”, visto che questo si traduce nella visibilità o nell’accettazione che possono avere da parte dei genitori. La ricerca di “Mi piace” può allora diventare una dipendenza che fa sì che i giovani pubblichino cose sempre più innovative o di impatto per riuscire a influire su un numero superiore di persone.

In questo modo si influisce sulla loro immagine di fronte al mondo, visto che ci si allontana dal mostrarsi per come si è e ci si concentra su una specie di campagna pubblicitaria nella quale la propria immagine si deve vendere ad ogni costo.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.