Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
giovedì 26 Novembre |
Santa Caterina d'Alessandria
home iconStile di vita
line break icon

Come insegnare ai nostri figli a sopravvivere alla cultura del “Mi piace”?

Pexels Photo CC0

María Verónica Degwitz - pubblicato il 05/07/17

Bisogna insegnare loro a riconoscere la differenza tra un fenomeno sociale e la loro dignità come persone

I progressi tecnologici e la proliferazione delle reti sociali hanno cambiato il nostro modo di stare nel mondo. L’introduzione in tenera età dei mezzi tecnologici ha fatto sì che i nostri figli abbiano modi diversi di socializzare che spesso sono poco compresi dai genitori.

I messaggi di testo e i video hanno sostituito le telefonate e le visite personali, e i giovani hanno grazie al loro telefono cellulare la capacità di interagire con migliaia o milioni di persone in tutto il mondo.

Si parla molto delle precauzioni che i nostri figli devono avere nei confronti di questa interazione sociale e dei pericoli che affrontano relazionandosi con gli sconosciuti, ma c’è un tema di cui come genitori dobbiamo tener conto, ed è quello della cultura del “Mi piace”. Al giorno d’oggi i giovani hanno un modo di misurare la loro azione nei confronti degli altri e di sapere quale sia l’impatto delle cose che pubblicano, a livello di foto e video: i “Mi piace”.

La socializzazione dei nostri figli si vede superata dall’ossessione di ottenere “Mi piace”, visto che questo si traduce nella visibilità o nell’accettazione che possono avere da parte dei genitori. La ricerca di “Mi piace” può allora diventare una dipendenza che fa sì che i giovani pubblichino cose sempre più innovative o di impatto per riuscire a influire su un numero superiore di persone.

In questo modo si influisce sulla loro immagine di fronte al mondo, visto che ci si allontana dal mostrarsi per come si è e ci si concentra su una specie di campagna pubblicitaria nella quale la propria immagine si deve vendere ad ogni costo.




Leggi anche:
Attenzione alle catene di preghiera sulle reti sociali

  • 1
  • 2
Tags:
educazionesocial network
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Paola Belletti
Lucia Lombardo, dall'esoterismo alla fede in ...
COUPLE
Juan Ávila Estrada
Matrimonio: voglio amare il mio coniuge, ma n...
WSZYSTKICH ŚWIĘTYCH
Gelsomino Del Guercio
8 modi per aiutare e liberare le anime del Pu...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOJTYLA
Teologia del corpo and more
La vera rivoluzione sessuale fu quella del ve...
KONTEMPLACJA
Mercedes Honrubia García de la Noceda
Accetto la separazione con speranza, per amor...
Gelsomino Del Guercio
Il Papa donò un rosario a Maradona. E lui dis...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni