Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 22 Aprile |
Aleteia logo
Stile di vita
separateurCreated with Sketch.

Come insegnare ai nostri figli a sopravvivere alla cultura del “Mi piace”?

WEB-CELL-PHONE-WOMAN-WINTER-NIGHT-pexels-photo-276834-CC0

Pexels Photo CC0

María Verónica Degwitz - pubblicato il 05/07/17

Bisogna insegnare loro a riconoscere la differenza tra un fenomeno sociale e la loro dignità come persone

I progressi tecnologici e la proliferazione delle reti sociali hanno cambiato il nostro modo di stare nel mondo. L’introduzione in tenera età dei mezzi tecnologici ha fatto sì che i nostri figli abbiano modi diversi di socializzare che spesso sono poco compresi dai genitori.

I messaggi di testo e i video hanno sostituito le telefonate e le visite personali, e i giovani hanno grazie al loro telefono cellulare la capacità di interagire con migliaia o milioni di persone in tutto il mondo.

Si parla molto delle precauzioni che i nostri figli devono avere nei confronti di questa interazione sociale e dei pericoli che affrontano relazionandosi con gli sconosciuti, ma c’è un tema di cui come genitori dobbiamo tener conto, ed è quello della cultura del “Mi piace”. Al giorno d’oggi i giovani hanno un modo di misurare la loro azione nei confronti degli altri e di sapere quale sia l’impatto delle cose che pubblicano, a livello di foto e video: i “Mi piace”.

La socializzazione dei nostri figli si vede superata dall’ossessione di ottenere “Mi piace”, visto che questo si traduce nella visibilità o nell’accettazione che possono avere da parte dei genitori. La ricerca di “Mi piace” può allora diventare una dipendenza che fa sì che i giovani pubblichino cose sempre più innovative o di impatto per riuscire a influire su un numero superiore di persone.

In questo modo si influisce sulla loro immagine di fronte al mondo, visto che ci si allontana dal mostrarsi per come si è e ci si concentra su una specie di campagna pubblicitaria nella quale la propria immagine si deve vendere ad ogni costo.




Leggi anche:
Attenzione alle catene di preghiera sulle reti sociali

La cultura del “Mi piace” ha un notevole impatto anche sull’autostima dei nostri giovani, visto che l’interazione e l’accettazione personale si vedono sostituite da un numero specifico che determina e influisce in modo molto reale sull’immagine che hanno di sé e sul valore che si danno nei confronti degli altri.

Come possiamo allora, come genitori, avvicinarci a questi temi con i nostri figli? In primo luogo riconoscendo che la tecnologia e le reti sociali occupano un posto fondamentale nella loro vita e che non è possibile cambiare questa realtà.

Quello che possiamo fare è insegnare loro a riconoscere la differenza tra un fenomeno sociale e la loro dignità come persone. Bisogna sempre chiarire che i loro valore, la loro bellezza o la loro personalità non sono determinati dall’opinione che hanno gli altri di una foto o di un momento pubblicato in rete; anche se questi mezzi presuppongono una piattaforma di interazione sociale di massa non potranno mai sostituire l’interazione umana faccia a faccia.

Dobbiamo anche insegnare con l’esempio e dimostrare loro che anche se i mezzi tecnologici fanno parte della nostra vita non dipendiamo da loro. È bene proporre in famiglia momenti liberi dalla tecnologia in cui si favoriscano le interazioni interpersonali e attività diverse che dimostrino loro che non tutto dev’essere retto dalla tecnologia.

Dobbiamo infine assicurarci che i nostri figli trovino nella famiglia un luogo in cui vengono amati e accettati per quello che sono. Sviluppare il loro senso di appartenenza aiuterà ad aumentare la loro autostima e la sicurezza in se stessi, e allo stesso tempo saranno meno inclini a misurare il proprio valore in base alla quantità di “Mi piace” che ottengono su una rete sociale.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Tags:
educazionesocial network
Top 10
See More