Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Papa Francesco: rispettate il desiderio dei genitori di Charlie di accompagnarlo fino alla fine

Antoine Mekary | ALETEIA
Pope Francis General Audience May 10, 2017 © Antoine Mekary / ALETEIA
Condividi

La Santa Sede pubblica una dichiarazione del Pontefice di affetto e vicinanza in questo triste caso

La Santa Sede ha pubblicato il 2 luglio una dichiarazione di Papa Francesco sul caso del piccolo Charlie Gard, minacciato di essere privato di alimentazione e idratazione. Il Pontefice ha espresso “affetto e commozione” e vuole che venga rispettato il desiderio dei genitori di accompagnare il figlio fino alla fine.

Affetto da una malattia genetica, il bimbo di 10 mesi è stato oggetto di una decisione della Corte Europea dei Diritti Umani del 27 giugno scorso.

In opposizione al desiderio dei genitori, la Corte ha deciso di sospendere i trattamenti a cui è sottoposto.

“Il Santo Padre segue con affetto e commozione la vicenda del piccolo Charlie Gard”, ha affermato Greg Burke, direttore della Sala Stampa della Santa Sede, “ed esprime la propria vicinanza ai suoi genitori”.

“Per essi prega, auspicando che non si trascuri il loro desiderio di accompagnare e curare sino alla fine il proprio bimbo”, si legge in un comunicato.

I genitori del bambino volevano portarlo negli Stati Uniti per una cura sperimentale. L’ospedale di Londra che lo segue si era opposto, proponendo di sospendere il sostegno respiratorio del bambino. Dopo mesi di battaglia legale, il Tribunale Europeo dei Diritti dell’Uomo si è espresso a favore dell’ospedale e della Giustizia britannica.

Decisione pendente

Per ora l’ospedale ha deciso di rimandare la decisione di sospendere l’alimentazione e l’idratazione di Charlie. La Conferenza Episcopale di Inghilterra e Galles si è opposta il 28 giugno a questa sospensione, in base alla dottrina della Chiesa sulla questione, che ritiene che non si tratti di cure ma di assistenza di base.

Dal canto suo, la Pontificia Accademia per la Vita ha pubblicato il 29 giugno un comunicato firmato dal suo presidente, monsignor Vincenzo Paglia, nel quale si afferma che la cosa più importante è l’interesse del paziente e che “dobbiamo compiere ogni gesto che concorra alla sua salute e insieme riconoscere i limiti della medicina”, evitando perciò “ogni accanimento terapeutico sproporzionato o troppo gravoso”.

Il cardinale Carlo Caffarra, presidente emerito dell’Istituto Giovanni Paolo II per la Famiglia, ha dichiarato il 28 giugno al quotidiano Il Giornale: “Siamo arrivati al capolinea della cultura della morte. Sono le istituzioni pubbliche, i tribunali, a decidere se un bambino ha o non ha il diritto di vivere. Anche contro la volontà dei genitori. Abbiamo toccato il fondo delle barbarie”.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.