Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

Come difendere i figli dalla pornografia

Jack Frog
Condividi

I consigli del professor Thomas Lickona: come genitori bisogna informare, comprendere e aiutare i figli

Ecco i sette punti del “contratto familiare”:

1.– Niente televisione se non sono stati fatti prima i compiti o durante i pasti. Bisogna sempre chiedere il permesso di accendere la televisione, e vedere solo programmi approvati.

2.- In alcuni momenti è bene tener spenta la televisione per concentrarsi su altre attività familiari, come leggere o parlare tutti insieme.

3.– Tutti i videogiochi devono essere sempre supervisionati da un genitore, e vanno utilizzati per un tempo limitato.

4.- Durante i pasti e le ore riservate al sonno bisogna spegnere i telefoni cellulari.

5.- I siti pornografici vanno bloccati con filtri speciali di controllo genitoriale.

6. Bisogna stabilire delle regole per l’uso di Internet. Ad esempio, dev’esserci sempre un’approvazione da parte dei genitori, soprattutto quando si tratta di scaricare qualcosa.

7.- Quanto ai film, bisogna evitare quelli con un contenuto sessuale esplicito. Ci sono molti siti di orientamento, come Screenit e Kidsinmind.

Per aiutare i nostri figli a comprendere le nostre ragioni, che a prima vista possono sembrare esagerate o troppo repressive, potremmo dire loro: “Il tempo ha un grande valore. Devi imparare a guardare cose interessanti in televisione, a saper scegliere i programmi e i film che meritano il tuo tempo. Purtroppo ci sono molti contenuti che non sono buoni e che conviene evitare. In questo devi fidarti di noi”. La maggior parte degli studi dimostra che quando i nostri figli sono consapevoli del fatto che il nostro esercizio di autorità si basa su buone intenzioni, visto che hanno come finalità il loro bene, sono molto più disposti ad accettare le nostre regole e le nostre restrizioni.

[Traduzione dallo spagnolo a cura di Roberta Sciamplicotti]

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.