Aleteia

Pedofilia: la lettera di un prete cattolico al “New York Times”

©DR
Condividi
Commenta

Il quotidiano americano non ha ricusato di pubblicare questo corsivo, ripreso dal sito argentino “Enfoques Positivos” con un successo fenomenale

Caro fratello giornalista,

sono un semplice prete cattolico. Mi sento fiero e felice della mia vocazione, e sono ormai vent’anni e poco più che vivo in Angola come missionario.

Constato in numerosi media, soprattutto nel vostro giornale, una recrudescenza di articoli consacrati ai preti pedofili, sempre con una prospettiva facile e di sicuro impatto emotivo, volta a scrutare nelle loro vite gli errori del passato.

Ce ne sono stati in quella tale città degli Stati Uniti negli anni ’70, in quella tale parrocchia australiana negli anni ’80, e così via fino ai casi più recenti… tutti meritevoli di ferma condanna, senz’alcun dubbio.

Alcune presentazioni giornalistiche sono ponderate ed equilibrate. Delle altre esagerano, causano un pregiudizio, seminano odio. Io stesso sento un grande dolore per il male immenso che provocano alcuni tra quanti dovrebbero essere segni viventi dell’Amore di Dio. Essi infliggono una pugnalata alla vita di troppi esseri innocenti. Non esistono parole che possano giustificare simili atti. Neppure si può dubitare del sostegno che la Chiesa prodiga ai deboli e ai più disagiati. Per questa ragione, la sua priorità assoluta resterà sempre l’adozione e la promozione di tutte le misure necessarie per la prevenzione e per la protezione della dignità dei bambini.

Mi fa impressione, che si leggano così poche notizie riguardo a quelle migliaia di preti che sacrificano la loro vita spendendosi per milioni di bambini e di adolescenti, ricchi o poveri, privilegiati o sfavoriti, ai quattro angoli della Terra.

Penso che il New York Times, quindi, non sarà interessato ad apprendere che:

  • Ho dovuto trasportare decine di bambini affamati in mezzo ai campi minati a causa della guerra del 2002 tra Cangumbe e Luena [due città dell’Angola N.d.T.], perché il governo non riusciva a farlo e le Ong non avevano le autorizzazioni necessarie;
  • Ho dovuto seppellire decine di bambini morti durante il loro esodo in fuga dalla guerra;
  • Abbiamo salvato la vita di migliaia di persone nel Moxico [regione dell’Angola N.d.T.] grazie all’unico centro sanitario esistente in 90.000 km2, distribuendo vivande e semi;
  • Abbiamo potuto fornire istruzione e scuole a più di 110.000 bambini, nel corso degli ultimi dieci anni.

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni