Aleteia

Napoleone Bonaparte cercò di “abbattere” la Vergine Maria, ma…

Condividi
Commenta

…Dio "rovescia i potenti dai troni"

Il potente generale francese Napoleone Bonaparte, diventato imperatore di Francia, ha visto nella Vergine una sorta di “rivale” a causa… della sua data di nascita!

Napoleone nacque il 15 agosto 1769, il giorno in cui la Chiesa celebra l’Assunzione della Madonna. Anche da adulto, al generale dava fastidio dover “condividere” la sua festa di compleanno con la celebrazione del giorno in ci la Vergine fu assunta in cielo.

E il generale si irritava sempre più; perché nel giorno dell’Assunzione di Maria, in Francia, si celebra anche il “voto di Luigi XIII”; questo re aveva emesso, il 15 agosto 1637, un solenne decreto che poneva la nazione francese sotto l’esplicita protezione della Madre di Dio.

Ciò che gli avrebbe potuto dare un molto orgoglio e serenità, lo metteva a disagio. Per Napoleone, forse, la Francia avrebbe dovuto affidarsi solo a lui, all’invincibile, al geniale, al potente imperatore…

Inoltre la Chiesa legge, il 15 agosto, il famoso passo biblico del Magnificat:

“[Dio] ha rovesciato i potenti dai troni, ha innalzato gli umili”.

Ogni compleanno di Napoleone veniva dunque “rovinato”, perché la Madonna ricordava che Dio “ha disperso i superbi nei pensieri del loro cuore”-

Fu allora che Napoleone ebbe l’idea di lanciare un decreto, il 19 febbraio 1806, in cui abolì la festa dell’Assunzione e la sostituì con la festa di… San Napoleone!

Papa Pio VII protestò, affermando chiaramente che è “inammissibile che il potere civile sostituisca al culto della Madonna Assunta in Cielo quello di un santo introvabile, con una ingerenza intollerabile del temporale nello spirituale“.

Ma Napoleone non ascoltò nessuno!

Come finì Napoleone? Tutti lo sappiamo.

“[Dio] ha rovesciato i potenti dai troni, ha innalzato gli umili”.

E Maria? Dopo l’abdicazione dell’imperatore, nel marzo 1814, la Francia ha ripristinato la solennità dell’Assunzione.

“Ha guardato l’umiltà della sua serva. D’ora in poi tutte le generazioni mi chiameranno beata. Grandi cose ha fatto in me l’Onnipotente e Santo è il suo nome”.


[Traduzione dallo spagnolo e adattamento a cura di Valerio Evangelista]

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni