Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

5 sante da pregare perché ci guidino nella nostra vita di donne

Condividi

Madre di famiglia, donna attiva dalle alte responsabilità, o ancora ragazza che dà sostegno a un genitore malato… Per accompagnarci e mostrarci il cammino, ecco cinque sante alle quali votarsi per affrontare le prove della vita giorno per giorno.

«Bisogna che tu sia forte per i tuoi bambini!», «Devi sostenere tuo marito, non mollare adesso!», «Non puoi abbandonarci troppo presto: rimanda ancora un po’ il tuo congedo di maternità…». Quale donna non ha mai avuto la sensazione di portare su di sé qualche responsabilità di troppo – ovvero della gente –? Per vivere meglio, con tutte queste pressioni, per superare certe prove o semplicemente per dare il meglio di noi nel nostro quotidiano, perché non ispirarsi alla vita delle grandi sante?

Abbiamo incontrato delle donne – dalle età e dalle esperienze di vita molto differenti – che hanno tutte un punto in comune: una santa alla quale sono rivolte, una vita che le guida e le accompagna.

Nello spazio di un bambino: santa Opportuna

Cercando da più anni un figlio e su consiglio di sua cognata, Caroline si è rivolta – piena di speranza – a santa Opportuna. Santa Opportuna, donna umile dalla fede vivace, badessa dell’VIII secolo, ha un carisma (scoperto recentemente, solo verso il 1970): quello di impetrare gravidanze e nascite. Numerose coppie che desiderano un bambino sono così state esaudite dalla sua potente intercessione.

Caroline racconta:

Ci siamo quindi interessati a lei perché ci accompagnasse lungo questo lungo cammino. Tutte le sere, nel corso della nostra preghiera, abbiamo confidato a santa Opportuna il nostro desiderio di accogliere un bambino. Abbiamo pure fatto diverse novene, in comunione di preghiera con la comunità delle suore dell’Abbazia di Notre Dame d’Argentan, di cui santa Opportuna fu una delle prime badesse. Questo ci ha dato molta forza e ci ha permesso di restare sempre uniti durante i lunghi mesi di attesa. Dopo un’attesa di due anni e mezzo, abbiamo scoperto di aspettare la nostra ranocchiesca. Santa Opportuna resta ancora oggi presente nelle nostre preghiere.

Invocare una santa permette non soltanto di essere aiutati, ma anche – come si vede nella testimonianza di Caroline – di sentirsi sostenuti e rinsaldati quando l’orizzonte sembra nero e quanto la speranza si affievolisce. Il fatto di pregare santa Opportuna col marito, giorno per giorno, le ha permesso di tenere botta nella prova e di restare aperta ad accogliere un bambino come dono di Dio.

Per essere una madre “all’altezza”: la Vergine Maria

Una volta madri, le paure e le inquietudini continuano e spesso anzi crescono. Non è più una vita, quella che dobbiamo compiere e orientare verso la dolce eternità dell’Eterno Padre, ma due vie, oppure tre o di più ancora…

Maria, madre di due bambini, si definisce “mamma e sposa al 300%”, ed è accompagnata giorno per giorno dalla presenza della Vergine Maria:

Visto che i miei genitori erano spagnoli, la Vergine è quasi onnipresente nella mia cultura. Ho avuto la fortuna di avere una nonna con una grande devozione per la Vergine, e che mi diceva di affidarmi a lei in ogni situazione.

Sanguigna e poco paziente, Maria ammira da sempre la Santa Vergine Maria per «la sua dolcezza fuori dal comune» e realizza, da quando è madre, «che ella si è assunta ogni responsabilità per suo Figlio». Dunque un esempio, per questa donna che – come tutte le mamme del mondo – vuole essere all’altezza del ruolo che ha verso i suoi figli.

Santa Maria, un modello di perfezione per questa ragazza – che ci racconta divertita: «Quando ero giovane avevo un braccialetto, “What Would Jesus Do?”. Da quando sono mamma sogno di avere un braccialetto “What Would Virgin Mary Do?! Questo desiderio di fare a modo è buono e sano, ma attenzione a non essere troppo esigenti con noi stesse – a Maria lo ricorda un prete, all’occasione di una confessione:

Dicevo al prete che non avevo sempre l’impressione di essere una buona madre per i miei bambini. Mi ricorderò sempre della reazione del prete: «Tu credi veramente che la Vergine Maria avesse sempre l’impressione di essere all’altezza, con Gesù come figlio?».

Anche Peggy, 38 anni, è caricata a mille ogni giorno dalla vita della santa Vergine: «Ogni volta che sto un po’ giù mi dico che la Vergine piena di grazia ha vissuto la stessa cosa».

Se la santa Vergine Maria è modello d’ispirazione per tante donne, forse è perché ha saputo «dire sì al piano del Signore», come ci ricorda giustamente questa 38enne di Tolone.

Madre del figlio di Dio, ella ha accettato tutto: fuga, esilio, probabilmente rifiuto degli altri, paura per il proprio figlio… Ha visto suo figlio soffrire per noi e tuttavia è sempre stata presente: prima e dopo la risurrezione, così come tutti i giorni con noi. Per me è un esempio di amore e di grazia.

È per tutte noi, tutte donne e talvolta anche madri, la “Madre di tutte le madri”, alla quale possiamo chiedere di guidare e di illuminare le nostre vite con la sua dolce luce. Peggy non esita a domandarle, ogni giorno, «di guidare [la sua] preghiera e [i suoi] atti, di intercedere per [lei] quanto alle [sue] mancanze d’amore, quanto alle [sue] mancanze di pazienza».

Pagine: 1 2 3

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.