Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 25 Novembre |
Santa Caterina d'Alessandria
home iconFor Her
line break icon

«Sto per andare in cielo, vi aiuterò da lì»

Facebook

Paola Belletti - pubblicato il 16/06/17


Non è la frase che troviamo nei commenti Facebook alternata all’acronimo R.I.P., al “sorridici da lassù”.  Non è l’augurio a volte infantile e stucchevole che troviamo buttato là, come una moneta nel cappello del mendicante, lasciata cadere in fretta per potersene subito fuggire via. Lontano dal dolore e dalla morte: tornata assurda per noi, popolo stanco reso immemore di Cristo e della sua Redenzione. No. Se lo ha detto in quel momento, sapeva quel che diceva.

E come, bambini, sappiamo nascere: competenti e sicuri ci giriamo per far passare le spalle pieghiamo la testa per uscire dal canale del parto, ci spingiamo anche noi fuori, verso la luce; così, allo stesso misterioso modo, tutti, uomini e donne, una volta nati e vissuti, poco o tanto, sappiamo, o dovremmo saper morire.  Che grazia ha avuto Gloria, se ha potuto rendersi conto e prepararsi al momento più importante della sua vita!

L’ora della sua morte si stava avvicinando e lei ha saputo, voluto rendersene conto; insieme con il suo fidanzato lì vicino che, fino a che ne è stato capace, ha rassicurato lei, sé stesso e i futuri suoceri. Il fumo di un incendio è una cosa spaventosa.

È successo anche a mio marito, me e la nostra primoconcepita (era in corso la mia prima gravidanza). Svegliarsi in piena notte con le urla di un vicino che lancia l’allarme (Dio lo benedica sempre); alzarsi, correre, respirare a fatica, tossire, lacrimare, non vedere i muri, guadagnare le scale annaspando con mani e piedi, pensando solo a tornare all’aria pulita e fresca, col cuore che picchia in testa…. E il nostro era una cosa da nulla, al confronto.

(Per questo è un’usanza ignobile e vigliacca, anche se coerente col carpe diem tristo dei nostri tempi, non dire alla persona malata gravemente che gli resta poco da vivere. Mentire, fingere che stia per guarire. E come potrebbe prepararsi? Come potrebbe raccogliersi e decidere che cosa lasciare detto, che cosa consegnare al ricordo di chi la ama, che cosa dire al Dio del quale forse ha soltanto sospettato l’esistenza e l’amore?)

Ora e allora. Occorre essere pronti, vigili, presenti a sé stessi.

L’Ave Maria li cuce insieme in un punto solo, nunc et in hora mortis nostrae. Perché tanto si assomigliano. Gloria era nel suo ora e di presente in presente, col fumo soffocante che ha riempito il loro appartamento, il suo ora è diventato quell’ora.

Quella della sua personale morte. La famiglia Gottardi afferma che fino a che non sarà dimostrato il contrario continueranno a sperare che il loro ragazzo sia vivo. E anche lei. Certo, occorre sperare. Mi auguro che possano riabbracciarli o che, almeno, possano accoglierne le spoglie. I corpi spogliati della vita. Non avere nemmeno il corpo del figlio morto, se davvero i loro nomi passeranno dalla colonna  dei dispersi a quella di vittime, è una grande pena che si aggiunge alla pena. Alla Madonna, che è l’Addolorata, il corpo è stato dato. Spero possano assomigliarLe in questo.

Intuisco di lontano il dolore, la disperazione, di questi genitori. Il loro vano impeto, il loro voler accusare, ora, un paese intero, che è pieno di colpe, che è vigliacco, che schiaccia e scaccia i giovani, mortifica  famiglie, mamme, padri, bambini.

Lo capisco! La loro meraviglia, la loro ragazza bellissima e intelligente e volenterosa, era là, lontana da loro, dopo una laurea, piena di vita e progetti. Era là per poter lavorare degnamente e guadagnare i soldi che si dovrebbero pretendere anche qua, accidenti! Che rabbia, davvero. Dovranno però arrendersi, e spero presto, al fatto che quella seppure evidente ingiustizia sociale che mortifica i giovani e in essi un paese intero e il suo futuro, non basta a spiegare la fine della vita di Gloria.

Spero che loro stessi siano cresciuti e abbiano educato Gloria nella certezza, non scontata, del Cielo, nella sicurezza che si nasce per vivere, certo, per stare nella gioia, nella serenità, nella soddisfazione di costruire qualcosa di bello e soprattutto per amare ed essere amati; ma si nasce anche per morire e si muore per vivere per sempre.




Leggi anche:
Una bimba che muore per il caldo in auto ci toglie le parole. Non tutte

Spero che possano ricordarsi, ora che sembrerà tutto inutile e negato, tutto strappato via dagli occhi e dal petto, che la felicità esiste e se con la grazia di Dio entreremo nel Suo Regno là sapremo che nessun incendio la ridurrà in fumo. Nessun fumo ci toglierà il respiro. Nessun paese lanciato come un vecchio treno delle montagne russe su binari morti ci schiaccerà lo stomaco.

Gloria ha detto “grazie mamma”. Di quello che hai fatto. Sto per morire, lo so.

Risale alle 4 l’ultima telefonata. Secondo il virgolettato del Corriere la ragazza dice «Mamma, mi sono resa conto che sto morendo. Grazie per quello che hai fatto per me». Poi, l’addio: «Sto per andare in cielo, vi aiuterò da lì».

Come fanno sempre i figli ha chiesto aiuto ai genitori, pur nella loro evidente impotenza. Che mai avrebbero potuto fare da qui, dall’Italia? Li ha sottoposti ad un dolore e ad uno stress enormi, ai quali mai si sarebbero voluti sottrarre, io credo. Tutto pur di stare con lei. E lei, povera ragazza, a chi altri avrebbe potuto pensare se non a chi l’ha messa al mondo e l’ha amata? Anche i soldati moribondi, anche chi partorisce, tutti noi, di fronte alla morte, al dolore, alla paura, alle cose grandissime e definitive, bruttissime e bellissime, gridiamo “Mamma”!

E alla fine, come fanno sempre i figli messi alle strette, ha detto le cose essenziali: grazie. Vado. Vi aiuterò.

E non è affatto vero che non si possa fare nulla. Fino a che non si avrà la certezza che sia morta preghiamo che sia viva. Quando si avrà una certezza o si esulterà e si renderà lode a Dio o si piangerà e senza disperazione si pregherà tanto per la sua anima giovane. Se le fiamme se la sono presa speriamo abbiano già bruciato la paglia dei peccati che possa avere commesso. Speriamo abbia anche solo pensato «Maria, ho ancora bisogno della mamma. Ci sei?»

E sappiamo che con i Sì che cambiano le sorti di un’umanità intera Maria Santissima, la bella ragazza di Nazaret, ha una certa esperienza.




Leggi anche:
Preghiera per una buona morte

Il processo e la proposta di risarcimento di 68mila euro, rifiutata dalla famiglia di Gloria

Di pochi giorni fa la notizia della cifra proposta come risarcimento per la morte di ciascun deceduto nell’incendio di ormai quattro anni fa. Il legale della famiglia di Gloria Trevisan fa sapere che non accetteranno mai una cifra tanto irrisoria quanto offensiva per il dolore della famiglia e per il valore, non monetizzabile, della vita della figlia. Ciò che è quantificabile almeno come stima è il cosiddetto capitale umano che con la sua morte prematura è andato perduto. Così si legge sul sito dell’ANSA:

Un risarcimento di 68mila euro per ognuna delle vittime dell’incendio che il 14 giugno 2017 devastò la Grenfell Tower, a Londra. “Noi, e parlo in nome della famiglia di Gloria che rappresento, non accetteremo mai alcun accordo: noi andiamo in Tribunale”, dice l’avvocato Maria Cristina Sandrin, che tutela la famiglia di Gloria Trevisan, 26 anni, morta nel rogo assieme al fidanzato Marco Gottardi, 27. I due ingegneri veneti furono tra le 72 vittime della tragedia.

La battaglia legale dei familiari delle vittime prosegue su due fronti: quello statunitense che punta ad ottenere risarcimenti dalle industrie costruttrici dei pannelli di rivestimento, rivelatisi fatali per la diffusione rapida e inarginabile delle fiamme, e quelli del frigorifero da cui sarebbe partito l’incendio in seguito ad un cortocircuito. E quello nel Regno Unito che fa leva sul riconoscimento del grave danno psicologico subito dai familiari delle vittime costretti a seguire in diretta alla morte straziante dei propri cari. (Aggiornato il 17 giugno 2020)

  • 1
  • 2
Tags:
ave mariabuona mortegiovani
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in otto lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, arabo, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Paola Belletti
Lucia Lombardo, dall'esoterismo alla fede in ...
HEAVEN
Philip Kosloski
Preghiera perché un defunto raggiunga la gioi...
Aleteia
Preghiera a santa Rita da Cascia per una caus...
WOJTYLA
Teologia del corpo and more
La vera rivoluzione sessuale fu quella del ve...
KONTEMPLACJA
Mercedes Honrubia García de la Noceda
Accetto la separazione con speranza, per amor...
CARLO ACUTIS MIRACOLI EUCARISTICI
VatiVision
Carlo Acutis: il documentario sulla mostra su...
ARCHANGEL MICHAEL
Gelsomino Del Guercio
La preghiera di protezione contro gli spiriti...
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni