Aleteia logoAleteia logoAleteia
mercoledì 01 Dicembre |
Beato Charles de Foucauld
Aleteia logo
Spiritualità
separateurCreated with Sketch.

Usare il confessionale è antiquato?

Shutterstock- Bielikov Vadym

Padre Henry Vargas Holguín - pubblicato il 16/06/17

Cosa dice il Diritto Canonico su dove, quando e come celebrare il sacramento della riconciliazione

Chi è senza peccato? Nessuno! Bisogna essere umili e riconoscere la propria condizione di peccatori (Gv 8, 7). Chi dice, ad esempio, “Non ho alcun peccato”, o “Di cosa devo confessarmi?”, o ancora “Non ho bisogno del perdono di Dio” sbaglia (1 Gv 1,8).

Per i cattolici è una necessità ricorrere al sacramento della confessione, perché “la confessione individuale e integra e l’assoluzione costituiscono l’unico modo ordinario con cui il fedele, consapevole di peccato grave, è riconciliato con Dio e con la Chiesa” (Canone 960); non va bene, quindi, dire “Io mi confesso direttamente con Dio”.

Quando confessarsi?

La Chiesa chiede che i fedeli si confessino almeno una volta all’anno, soprattutto se c’è qualche peccato mortale o grave (Canone 989). E non è una cosa opzionale. Chi nega il proprio peccato, nega il potere, la misericordia e la volontà di Dio di perdonare i peccati attraverso il ministero della Chiesa.

Gesù Cristo è l’unico che ha il potere di perdonare i peccati, ma questo potere è stato trasmesso da Gesù ai suoi apostoli: “A coloro a cui perdonerete i peccati, saranno perdonati; a coloro a cui non perdonerete, non saranno perdonati” (Gv 20, 23).

Come confessarsi?

“Nel sacramento della penitenza i fedeli, confessando i peccati al ministro legittimo, essendone contriti ed insieme avendo il proposito di emendarsi, per l’assoluzione impartita dallo stesso ministro ottengono da Dio il perdono dei peccati, che hanno commesso dopo il battesimo e contemporaneamente vengono riconciliati con la Chiesa che, peccando, hanno ferito” (Canone 959).

Va notato che prima del pentimento per i peccati si deve avere coscienza dei peccati commessi, per questo è importante l’esame di coscienza. Si deve anche ricordare che dopo l’assoluzione è importante compiere la penitenza, che include la riparazione dei peccati commessi.




Leggi anche:
Cos’ha a che vedere la confessione con l’esorcismo?

  • 1
  • 2
  • 3
Tags:
confessionaleconfessione
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni