Ricevi Aleteia tutti i giorni
Iscriviti alla newsletter di Aleteia, il meglio dei nostri articoli gratis ogni giorno
Iscriviti!

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

“Satana attrae facendo sembrare buono e innocuo ciò che è contrario a Dio”

Família Cristã
Ilustração: exorcismo
Condividi

Intervista a don Paolo Morocutti, teologo e insegnante di esorcisti

Quali sono i criteri per discernere e scartare i casi psicologici dai casi spirituali?

La sapienza millenaria della Chiesa attraverso la formazione dei libri liturgici, che tra l’altro per noi cattolici sono magistero ufficiale, sviluppano un percorso attraverso il quale il presbitero esorcista può riconoscere l’opera e la presenza del maligno. Mi sembra utile menzionare che nell’ultimo rituale si invita l’esorcista ad avvalersi delle scienze mediche e psicologiche per un migliore discernimento. Tuttavia il rituale indica come criteri di discernimento: il parlare lingue sconosciute, conoscere e rivelare cose occulte, manifestare una forza non proporzionata all’età e alla condizione naturale del soggetto. Non si tratta di criteri assoluti, si tratta di segni che se valutati all’interno di una quadro generale e differenziato possono aiutare grandemente l’esorcista a discernere. Occorre dare molto tempo all’ascolto della persona e fare un’analisi attenta dei comportamenti e delle consuetudini di vita del soggetto. Occorre concentrarsi più sulla vita morale del soggetto che sui segni, che tuttavia possono essere di grande aiuto.

A questo punto, la domanda conseguente che affiora nella mente è: Quali sono i canali principali attraverso i quali può avvenire una vessazione o addirittura una possessione diabolica?

Il canale principale è certamente il peccato. In particolare lo stato di peccato grave vissuto in modo deliberato e senza pentimento, questa condizione espone in generale l’anima all’azione del maligno.

Detto questo, i canali principali dell’azione straordinaria del maligno sulle anime sono: l’esoterismo, le arti magiche, l’adesione più o meno consapevole a pratiche filosofiche di ispirazione orientale o comunque incompatibili con una visione antropologica cristiana e, infine, la partecipazione a gruppi di ispirazione palesemente satanica.

Spesso queste realtà si nascondono dietro ideologie apparentemente innocue, occorre vigilare. Satana attrae con la sua apparente bellezza facendo sembrare buono e innocuo ciò che è contrario a Dio.

Tuttavia al centro del discernimento c’è sempre l’agire morale della persona. Se la persona agisce in modo moralmente retto e rimane in stato di grazia cercando la verità, difficilmente sarà oggetto dell’azione straordinaria del maligno, il quale eserciterà comunque la sua azione in modo ordinario. Ovviamente, fanno eccezione le vite dei santi che, per una particolare permissione di Dio, vivono il combattimento talvolta anche in modo cruento.

Cosa ha imparato di positivo dall’esercizio di questo ministero e che può consegnare come lezione o consiglio ai lettori?

Che l’amore di Gesù Cristo per le nostre anime è una cosa seria e che l’anima va custodita nella grazia come il dono più bello e sublime che Dio ci ha fatto. Oggi il senso del peccato sta sempre più sbiadendo in virtù di una concezione assai sbagliata della misericordia. In questo ministero ho chiaramente compreso che L’Eucaristia, celebrata ed adorata, la confessione sacramentale regolare e l’amore filiale a Maria Santissima, sono le armi sicure per camminare sempre in grazia e verità e godere sempre della dolce presenza di Gesù nella nostre anime.

Ecco la versione completa dell’intervista di Robert Cheaib a don Paolo Morocutti, consultabile QUI.

Pagine: 1 2

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni
I lettori come te contribuiscono alla missione di Aleteia.

Fin dall'inizio della nostra attività nel 2012, i lettori di Aleteia sono aumentati rapidamente in tutto il mondo. La nostra équipe è impegnata nella missione di offrire articoli che arricchiscano, ispirino e nutrano la via cattolica. Per questo vogliamo che i nostri articoli siano di libero accesso per tutti, ma per farlo abbiamo bisogno del vostro aiuto. Il giornalismo di qualità ha un costo (più di quello che può coprire la vendita della pubblicità su Aleteia). Per questo, i lettori come TE sono fondamentali, anche se donano appena 3 dollari al mese.