Ricevi Aleteia tutti i giorni

Non vuoi fare nessuna donazione?

Ecco 5 modi per aiutare Aleteia

  1. Prega per il nostro team e per il successo della nostra missione
  2. Parla di Aleteia nella tua parrocchia
  3. Condividi i contenuti di Aleteia con amici e familiari
  4. Disattiva il tuo AdBlock quando navighi nel nostro portale
  5. Iscriviti alla nostra Newsletter gratuita e non smettere mai di leggerci

Grazie!
Il team di Aleteia

iscriviti

Aleteia

La Drag Queen di 8 anni? Un abuso su minore

Facebook / Notizie Pro Vita
Condividi

Lui è un bambino di otto anni, si chiama Nemis Quinn Melancon-Golden, e col nome d’arte di Lactatia, è celebrato e osannato dalla comunità LGBT anche perché fortemente incoraggiato anche dalla famiglia, calca i palcoscenici come Drag Queen in Canada.

La notizia è proposta da Notizie Pro Vita Onlus che riporta, oltre alla storia e alle generalità, il commento di ex attivisti LGBT:

Greg Quinlan e Stephen Nero, ex attivisti gay, hanno commentato su LifeSiteNews che siamo evidentemente in presenza di uno di quei casi in cui i bambini vengono sacrificati per realizzare i sogni e le aspirazioni dei genitori.

E’ questa forse la più importante chiave di lettura, al di là delle inclinazioni che il piccolo Nemis potrebbe o meno sviluppare, la questione essenziale è l’imposizione da parte degli adulti di una identità e il pericolo di esporre un minore ad una sessualizzazione precoce.

[i genitori] spiegano che quando Nemis non è nel personaggio di Lactatia si identifica come un ragazzo. Quando è Lactatia, lui si sente una ragazza con il pene.

Al dramma si aggiunge la beffa:

 Oggi, in Canada, dove vive Nemis, una legge permette al governo di togliere i bambini ai genitori che si rifiutano di assecondare il desiderio disordinato e futile dei figli di appartenere al sesso opposto a quello che gli ha dato la natura.

Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni