Aleteia logoAleteia logo
Aleteia
mercoledì 16 Giugno |
Santi Quirico e Giulitta
home iconStile di vita
line break icon

L’origine “esplosiva” del bikini

Shutterstock | 918

Adriana Bello - pubblicato il 14/06/17

Questo costume da bagno controverso ha una storia affascinante

Formalmente il bikini è nato a metà del XX secolo, quindi non molto tempo fa. Anche se è certo che i romani usavano indumenti a due pezzi, si ritiene che il primo bikini per come lo conosciamo oggi sia stato creato nel 1946 dall’ingegnere e stilista francese Louis Réard, che all’epoca lavorava nella boutique di biancheria intima della madre e aveva confezionato due indumenti che “rivelavano molta pelle” per l’epoca, tanto che nessuna modella professionista volle sfilarci ritenendolo “troppo volgare” (chissà cosa penserebbero vedendo alcuni costumi di oggi…)

Réard dovette allora cercare una ballerina del casinò di Parigi di nome Micheline Bernardini, di 19 anni, per la sua mostra nell’estate 1946. Si dice che Micheline abbia partecipato anche alla scelta del nome, perché avrebbe detto a Réard che quell’abbigliamento “era più esplosivo della bomba di Bikini”, alludendo all’esplosione atomica condotta nell’atollo Bikini delle Isole Marshall, nel Pacifico del Sud, tanto forte da aver distrutto tutta la vegetazione dell’isolotto, lasciandolo completamente “nudo”.

AFP Photo
Foto scattata il 5 luglio 1946 nella piscina Molitor del primo bikini creato da Louis Réard

Circolava anche una specie di scherzo che diceva che “il bikini aveva separato l’atomo”, perché in quello stesso anno lo stilista anch’egli francese Jacques Heim aveva lanciato un progetto simile ma non tanto ridotto, chiamato Atome.




Leggi anche:
Come amare il corpo che Dio ti ha dato, anche in costume da bagno

Poi dive francesi come Brigitte Bardot lo usarono a Cannes e a St. Tropez come simbolo di libertà, diffondendone l’uso in Francia e in seguito in alcuni Paesi europei. In America e in certe Nazioni cattoliche europee, tuttavia, il bikini impiegò qualche anno ad essere del tutto accettato.

Wolf Tracer Archive - Photo12
Brigitte Bardot, 1952

  • 1
  • 2
Tags:
moda
Sostieni Aleteia

Se state leggendo questo articolo, è grazie alla vostra generosità e a quella di molte altre persone come voi che rendono possibile il progetto evangelizzatore di Aleteia. Ecco qualche dato:

  • 20 milioni di utenti in tutto il mondo leggono Aleteia.org ogni mese.
  • Aleteia viene pubblicato quotidianamente in sette lingue: italiano, inglese, francese, spagnolo, portoghese, polacco e sloveno.
  • Ogni mese, i nostri lettori visionano più di 50 milioni di pagine.
  • Quasi 4 milioni di persone seguono le pagine di Aleteia sui social media.
  • Ogni mese pubblichiamo 2.450 articoli e circa 40 video.
  • Tutto questo lavoro è svolto da 60 persone che lavorano full-time e da altri circa 400 collaboratori (autori, giornalisti, traduttori, fotografi...).

Come potete immaginare, dietro questi numeri c'è un grande sforzo. Abbiamo bisogno del vostro sostegno per poter continuare a offrire questo servizio di evangelizzazione a tutti, ovunque vivano e indipendentemente da quello che possono permettersi di pagare.

Sostenete Aleteia anche solo con un dollaro – ci vuole un minuto. Grazie!

Preghiera del giorno
Oggi festeggiamo anche...





Top 10
1
Landen Hoffman
Sarah Robsdotter
“Gli angeli mi hanno preso e Gesù mi vuole bene”: un bimbo di 5 a...
2
don Marcello Stanzione
Le confessioni di Mamma Natuzza: “Ho visto i morti, ecco co...
3
nun
Larry Peterson
Gesù ha donato a questa suora una preghiera di 8 parole per esser...
4
Lucía Chamat
La curiosa fotografia di “Gesù” che sta commuovendo la Colombia
5
ANDREA BOCELLI FATIMA
Paola Belletti
Andrea Bocelli a Fatima: “Maria è il percorso obbligatorio ...
6
POWELL BROTHERS
Sarah Robsdotter
Il video di un bambino che canta al fratellino Down diventa viral...
7
Aleteia
Chi sorride così al momento della morte?
Vedi di più
Newsletter
Ricevi Aleteia tutti i giorni