Aleteia logoAleteia logoAleteia
lunedì 26 Febbraio |
Aleteia logo
Perle dal Web
separateurCreated with Sketch.

Il celebre discorso di Steve Jobs, per non nascondere i propri talenti sotto terra…

Steve Jobs

Anton_Ivanov

Lucandrea Massaro - Aleteia Italia - pubblicato il 12/06/17

Quello che ci presentiamo è il culmine del discorso che Steve Jobs fece a Stanford il 12 giugno del 2005, un manifesto e un addio per alcuni aspetti, il geniale padre-padrone di Apple sarebbe morto pochi anni dopo, nel 2011, ma ha rappresentato (e rappresenta), un faro per molti giovani innovatori. Il centro del suo discorso, il famoso appello “stay hungry, stay foolish“, diventato una specie di motto, è davvero una esortazione a non sprecare la propria vita, a viverla con pienezza, fa tornare alla memoria la parabola dei talenti (Mt 25, 14-30) dove il Signore ci esorta a non seppellire i nostri ma a farli fruttare, prima che ci vengano tolti.




Leggi anche:
Cos’hanno in comune papa Francesco e Steve Jobs?

Certo non vogliamo fare di Jobs un santino, ma è stato un uomo, con tutte le contraddizioni e gli errori, che ha creduto nelle proprie capacità e nell’intuizione del proprio sogno, costruendo cose importanti, innovando profondamente il suo settore. Ci piace ricordarlo in maniera integrale, senza nasconderne nulla, ma con quella benevolenza che si può concedere a chi non c’è più.




Leggi anche:
Idoli del mondo laico sotto scacco: il lato oscuro di Steve Jobs

Tags:
steve jobs
Top 10
See More